Venerdì, 26 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scuola, Radioimmaginaria: perché fare i test di ingresso?

"La scuola non è selezione ma inclusione"

Milano, 25 gen. (askanews) - I ragazzi di Radioimmaginaria, il network europeo degli adolescenti dagli 11 ai 17 anni, hanno chiesto l'opinione dei loro coetanei sui test ingresso e la media dei voti adottati da alcune scuole per potere essere ammessi e per capire l'impatto che questi parametri hanno su di loro si sono rivolti a una psicologa e a un insegnante, rivolgendo un appello anche alla ministra Lucia Azzolina.

Alla mezzanotte di lunedì 25 gennaio 2021 scadono i termini di iscrizione alla scuola superiore per oltre mezzo milione di ragazzi italiani e Radioimmaginaria ha chiesto a coetanei, docenti e psicologi un parere sugli istituti che fanno i test d'ingresso e richiedono una media di voti alta.

Molti adolescenti pensano che a 14 anni i ragazzi non possono essere sottoposti allo stress che comporta un test d'ingresso o all'avere una media di voti molto alta, perché se lo studio è un diritto non ci devono essere vincoli di selezione. Seppur in minima parte, altri credono che questo possa essere un metodo valido per dare la possibilità di entrare a chi davvero si è dimostrato preparato e meritevole.

Per Francesca Taibbi, psicologa scolastica del Liceo Brera di Milano, "una scuola che fa test di selezione dà priorità e importanza alla prestazione sacrificando l inclusione di tutti i ragazzi che, non avendo passato il test, si vedranno privati della possibilità di studiare in quel determinato istituto".

"La scuola superiore - ha detto Antonella Cosentino, docente di italiano e latino al Liceo Giordano Bruno di Budrio (BO) - è ancora una scuola di formazione e non di selezione, e non deve venire meno al dettato della nostra costituzione secondo cui la scuola deve appianare le differenze e non accentuarle".

Per avere un punto di vista diverso i ragazzi di Radioimmaginaria hanno contattato anche la dirigente e alcuni docenti de "La Manzoni" di Milano, scuola che prevede i test d'ingresso.

"Nessuno - dicono i ragazzi - ha risposto alla nostra richiesta di intervista ma ci interessa molto il loro parere e siamo comunque pronti ad ascoltarli in qualsiasi momento e ci piacerebbe parlarne anche con il ministro dell'istruzione Lucia Azzolina".

Si parla di

Video popolari

Scuola, Radioimmaginaria: perché fare i test di ingresso?

Today è in caricamento