Venerdì, 14 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scuole, Rezza: mancano studi, difficile dire dove ci si infetta

"Chiaro che in posti in cui si aggrega probabilità aumentano"

Milano, 5 mar. (askanews) - "C'è in genere una mancanza di studi di epidemiologie analitiche e sociologiche che non ci permette d'identificare con esattezza luogo o attività che determinano l'infenzione, questo bisogna dirlo, è difficile dire dove si è infettati". Così il direttore della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, nel punto stampa sulla situazione epidemiologica, ha risposto a una domanda sull'efficacia della chiusura delle scuole per frenare l'epidemia, in un contesto in cui altre attività restano aperte.

"È chiaro che se ci sono posti in cui le persone si aggregano, la probabilità d'infezione può aumentare, vediamo un aumento in età scolare, dopodiché dove s'infettino con precisione è difficile dirlo, bisogna cercare di capire con precisione quali sono gli interventi, riducendo quali attività, possono determinare una diminuzione del rischio".

Si parla di

Video popolari

Scuole, Rezza: mancano studi, difficile dire dove ci si infetta

Today è in caricamento