Domenica, 25 Luglio 2021

"Se ci credi" il nuovo disco folk rock di Antonio Pignatiello

"Parlo a una generazione precaria che non si arrende"

Milano, 29 nov. (askanews) - Ballate, 10 immagini, 10 storie di vita. È "Se ci credi" terzo album di inediti del cantautore Antonio Pignatiello che intende raccontare crisi e sogni di una generazione precaria.

"Sono figlio degli anni Ottanta, abbiamo vissuto tangentopoli, in qualche modo ci è stato anche una crisi degli ideali a un certo punto, ma è anche un disco che parla di quelli della nostra generazione che non si arrendono". "L'idea è quella di mettersi nei panni di altre persone, di vivere all'interno le vite dei personaggi che poi popolano le canzoni".

Diretto e prodotto da Taketo Gohara, il disco è stato registrato live.

"È un disco suonato, vero, non c'è editing e allo stesso modo per quanto riguarda il linguaggio abbiamo cercato di raccontare storie complesse, perché bisogna farci i conti con la vita, come diceva Bukowsky 'la cosa più difficile è raccontare cose profonde con parole semplici'".

Il sound cercato è quello di un folk rock italiano che affonda le radici nell'America di Springsteen, Tom Waits, Johnny Cash.

L'album è anche un libro che ne racconta la lavorazione e le storie, e un tour dal vivo al via il 14 dicembre al teatro Primo Piano di Roma.

Si parla di

Video popolari

"Se ci credi" il nuovo disco folk rock di Antonio Pignatiello

Today è in caricamento