rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024

Spazi da non perdere, un'area gioco per i figli dei detenuti

Aperta nel carcere di Ragusa

Roma, 16 feb. (askanews) - Giocare aspettando i papà. È stata aperta nel carcere di Ragusa la prima area gioco del progetto "Giocare per diritto", un primo passo di una serie di servizi che permetteranno di aiutare detenuti e famiglie nella gestione del ruolo genitoriale in un contesto difficile come quello penitenziario. I figli dei detenuti giocheranno dentro l'istituto di pena, per attutire il trauma dell'attesa del colloquio con i padri.

Una sala d'attesa rinnovata. Un piccolo parco giochi, con un'altalena, uno scivolo, una casetta di legno dove poter entrare e scegliere tra una partita a calcio balilla, un tiro al pallone da calcio o i giochi da tavoloSono solo alcuni degli elementi che caratterizzano l'intervento di adeguamento e riqualificazione strutturale dello spazio all'interno della Casa circondariale di Ragusa realizzato dallo staff di "Giocare per diritto", un progetto promosso da Uisp Sicilia e selezionato da Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa e minorile attraverso il bando "Un passo avanti".

"Il progetto nasce dal diritto al gioco per tutti i minorenni, che la nostra associazione è impegnata a garantire a prescindere dalle situazioni economiche e sociali nelle quali si trovano a vivere la loro infanzia e adolescenza - ha spiegato Vincenzo Bonasera, presidente regionale Uisp Sicilia - dalla necessità di mettere a disposizione la nostra esperienza in ambito ludico e motorio per favorire e migliorare la qualità delle relazioni genitoriali tra i detenuti e i loro figli".

"Giocare insieme ai figli è una forma di comunicazione, avere contatto con loro vuol dire essere presenti come padre" sottolinea un detenuto.

A breve, verranno ultimati i lavori anche delle aree gioco nelle carceri di Agrigento, Enna, Messina, Trapani, Catania, Palermo, Giarre.

www.conmagazine.it

Si parla di

Video popolari

Spazi da non perdere, un'area gioco per i figli dei detenuti

Today è in caricamento