Lunedì, 1 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spazio, Asi raddoppia i satelliti di Cosmo-Skymed 2a generazione

Firmato il contratto con TAS, la costellazione avrà 4 satelliti

Milano, 15 dic. (askanews) - I satelliti di COSMO-SkyMed di Seconda Generazione (CSG), il più ambizioso programma d'osservazione della Terra dallo Spazio principalmente per compiti civili e militari di Protezione civile, Ricerca e Soccorso e Difesa, da 2 diventano 4.

Solo un anno dopo il lancio del primo satellite della nuova costellazione, infatti, martedì 15 dicembre 2020 l'Agenzia spaziale italiana (Asi) ha firmato il contratto per raddoppiare il numero dei satelliti.

Asi e Ministero della Difesa, come committenti, hanno

promosso, finanziato e diretto l'intero programma di sviluppo con gli indirizzi del Governo in materia spaziale ed aerospaziale che vedono nel settore dell'Osservazione della Terra uno dei settori strategici.

Il nuovo contratto dell'Asi, finanziato dal Ministero dell'Università e della Ricerca e complementare a quello stipulato dal Ministero della Difesa, consentirà d'incrementare le capacità del sistema COSMO-SkyMed di prima generazione, in orbita da più di 10 anni, come ha sottolineato il presidente dell'Asi, Giorgio Saccoccia.

"Il contratto per l'espansione da 2 a 4 satelliti - ha spiegato - va proprio nella direzione del consolidamento per rafforzare, da un lato la resilienza dell'infrastruttura satellitare e dall'altro la capacità produttiva dell'industria nazionale, dalle grandi aziende come Thales Alenia Space Italia e Telespazio alle numerose piccole e medie imprese che sono il motore produttivo e tecnologico dell'Italia e che costituiscono la filiera che ha permesso e permetterà di realizzare questa macchina".

I 2 nuovi satelliti saranno costruiti da Thales Alenia Space Italia e completeranno la costellazione con il modello di proto-volo (PFM) lanciato nel 2019 e al modello di volo 2 (FM2) il cui lancio è previsto a fine 2021. Massimo Claudio Comparini, AD di Thales Alenia Space Italia e Alessandro Profumo, Ad di Leonardo.

"La seconda generazione che con oggi completa la possibilità di avere e mantenere una configurazione a 4 satelliti è naturalmente un passaggio fondamentale - ha detto Comparini - e certamente ci darà modo di poter sviluppare ulteriormente il valore e le potenzialità espressi in questi 20 anni anche negli anni futuri".

"Questo è un evento estremamente importante - ha aggiunto Profumo - perché rappresenta un ulteriore passo in avanti per garantire da una parte la continuità ma dall'altro per riaffermare l'eccellenza dell'Italia nello Spazio".

Era presente all'incontro online anche il ministro dell'Università e Ricerca, Gaetano Manfredi.

"Oggi parlare di Spazio significa parlare di Space economy - ha detto il ministro - una grande occasione di crescita e di sviluppo. È chiaro che dobbiamo sempre di più rafforzare la filiera dello Spazio che significa tecnologie spaziali ma anche trattamento e gestione dei servizi che vengono dall'uso dello Spazio".

Si parla di

Video popolari

Spazio, Asi raddoppia i satelliti di Cosmo-Skymed 2a generazione

Today è in caricamento