Giovedì, 4 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spazio, conclusa con successo la Expedition 63 dell'Iss

Gli astronauti atterrati nelle steppe del Kazakhstan

Dzhezkazgan, 22 ott. (askanews) - Missione compiuta per l'equipaggio della Expedition 63; dopo 196 giorni a bordo della Stazione spaziale internazionale, l'astronauta della Nasa, Chris Cassidy e i suoi due compagni di volo, i cosmonauti russi Ivan Vagner e Anatoly Ivanishin di Roscosmos sono rientrati sulla Terra, atterrando con la loro capsula Soyuz nelle steppe del Kazakhstan.

La navetta Ms-16 dopo essersi sganciata dalla Iss è atterrata appena a sud della città di Dzhezkazgan, in Kazakhstan poco prima delle 9 del mattino locali. I tre uomini dell'equipaggio sono stati sottoposti a controlli medici preliminari sul posto prima di partire per i rispettivi luoghi di provenienza; Cassidy per Houston, negli Stati Uniti e Vagner e Ivanishin per Star City, alle porte di Mosca.

Chris Cassidy, ex Navy seal della Marina americana, al suo terzo volo spaziale, è stato comandante della base orbitante e, per la prima volta dopo 9 anni, ha accolto a bordo un equipaggio statunitense partito dal suolo americano su una navetta americana, la Crew Dragon di SpaceX per la missione Demo-2. Con uno di essi, Bob Behnken, ha effettuato 4 "passeggiate spaziali", per un totale di 23 ore e 37 minuti, per aggiornare le batterie della stazione.

A novembre 2020, sull'ISS arriverà la seconda misisone della Crew Dragon, con lo SpaceX Crew-1 della Nasa: gli astronauti della NASA Michael Hopkins , Victor Glover e Shannon Walker e l'astronauta dell'Agenzia di esplorazione aerospaziale giapponese Soichi Noguchi.

Chris Cassidy nel 2013 era stato anche compagno di volo del nostro Luca Parmitano e lo aveva aiutato durante la sfortunata seconda EVA durante la quale Parmitano rischiò di annegare nello Spazio a causa di una perdita d'acqua nella sua tuta spaziale.

Si parla di

Video popolari

Spazio, conclusa con successo la Expedition 63 dell'Iss

Today è in caricamento