Lunedì, 1 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Speranza: il vaccino andrà agli operatori sanitari per primi

Poi gli anziani; cuore campagna prossima primavera - estate

Milano, 2 dic. (askanews) - La priorità è disporre di vaccini sicuri. E subito a seguire un programma vaccinale basato sull'età, e priorità per gli operatori sanitari, Rsa e anziani. Poi anche personale scolastico, forze dell'ordine e altre categorie. Lo ha detto il ministro della Sanità Roberto Speranza in Senato, precisando sin da subito: la distribuzione del vaccino sarà centralizzata e sarà somministrato gratuitamente a tutti gli italiani perchè il vaccino è un bene comune.

È probabile che saranno necessarie due dosi per ogni vaccinazione, l'Italia ha opzionato 202 milioni di dosi che dovrebbero bastare per tutti. Indicate due date da Ema: 29 dicembre per il Pfizer-BioNTech e 12 gennaio per il Moderna.

"Il cuore della campagna vaccinale secondo i dati di cui disponiamo, secondo le nostre previsioni, sarà comunque l arco di tempo tra la prossima primavera e l'estate".

Una scelta non facile, effettuata tenendo conto delle indicazioni delle principali organizzazioni internazionali ed europee, la scelta di chi vaccinare per primo:

"Primo. Gli operatori sanitari e socio sanitari. Lavorano e operano in prima linea, hanno un rischio più elevato di essere esposti all'infezione da covid 19 e di trasmetterla a pazienti suscettibili e vulnerabili in contesti sanitari e sociali. Difendere questi professionisti in prima linea aiuterà a mantenere la resilienza del servizio sanitario nazionale".

Seguiranno poi i residenti e gli operatori delle RSA, dopo che le case di riposo per anziani sono state fortemente colpite dalla pandemia in questi mesi. Il programma inoltre sarà basato sull'età, altra priorità assoluta. E su questo il ministro ha fornito anche numeri precisi al Senato:

"Operatori e lavoratori sanitari e sociosanitari: 1.404.037 persone; personale ed ospiti dei presidi residenziali per anziani: 570.287 persone. Anziani over 80: 4.442.048. Persone dai 60 ai 79 anni: 13.432.005. Popolazione con almeno una comorbilità cronica: 7.403.578".

La distribuzione avverrà con il coinvolgimento delle forze armate, ha puntualizzato il ministro.

Si parla di

Video popolari

Speranza: il vaccino andrà agli operatori sanitari per primi

Today è in caricamento