rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024

Stalin 70 anni dopo: come la stampa raccontava il dittatore

Il nuovo numero di Internazionale Storia dedicato all'URSS

Milano, 13 mar. (askanews) - Un nuovo numero di Internazionale Storia racconta Stalin a 70 anni dalla morte. Il volume presentala figura dello storico dittatore sovietico attraverso la stampa internazionale dell'epoca con cronache, reportage, analisi e commenti, foto, illustrazioni e fumetti.

Tra i curatori c'è il giornalista di Internazionale Daniele Cassandro: "Non viene mai fuori un'idea univoca di chi era Stalin e di come era percepito - ha detto ad askanews -. Cambiava molto, ovviamente, a seconda delle fonti, perché usiamo sia fonti filo sovietiche e filo comuniste, sia fonti pesantemente anti comuniste".

La rivista è articolata in quattro sezioni: la prima, "Raccontare Stalin", si occupa della persona del dittatore e presenta, per esempio, un'intervista alla madre. La seconda è dedicata a "Interpretare lo stalinismo", e si concentra sulla percezione dall'esterno. C'è poi ovviamente una parte dedicata alla violenza di massa, al terrore e ai gulag, ovviamente tutta con fonti esterne all'Unione Sovietica e infine un'ultima sezione intitolata "L'eredità di Stalin" che si allunga nel tempo.

"Cosa è rimasto? Noi sappiamo - ha aggiunto il giornalista - che alla sua morte nel 1953 Stalin è stato immediatamente mummificato e messo accanto alla salma di Lenin, come grande padre del comunismo e dell'Unione Sovietica. Poco dopo però il suo corpo è stato tolto dal mausoleo, perché iniziava il processo di destalinizzazione del Paese. Questo processo è accaduto effettivamente e l'Unione Sovietica è cambiata rispetto al periodo più nero dello stalinismo, ma le strutture di potere e quel modo di gestirlo non sono mai stati realmente messo in discussione".

Così possiamo vedere che elementi dello stalinismo arrivano fino a oggi, fino alla Russia di Putin e alla sua visione del mondo e del potere. Eventi questi che, nelle figura del "Piccolo padre", già i giornalisti dell'epoca avevano provato a interpretare con un'ottica non solo di cronaca. "Quello che i testimoni dell'epoca vedevano e cercavano di raccontare - ha concluso Daniele Cassandro - era un tentativo di storicizzare, già nel presente, quello che stava succedendo".

Lo sguardo giornalistico ci offre anche un'altra possibilità: ossia quella di leggere ciò che per chi scrive è semplicemente la descrizione del presente e tutti i presenti, alla fine, in qualche modo hanno punti di somiglianza che a volte la prospettiva storicista tende forse a mettere in secondo piano.

Si parla di

Video popolari

Today è in caricamento