rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023

Tensione in Brasile, Bolsonaro oscura dati su casi e morti Covid

Proteste nel Paese secondo solo agli Usa per numero di contagi

Roma, 8 giu. (askanews) - Alta tensione in Brasile, che ha registrato più di 685mila casi e oltre 35mila morti per coronavirus e polemiche per la decisione del presidente Jair Bolsonaro di non pubblicare più sul sito del ministero della Salute il totale dei casi e dei decessi da Covid-19, ma solo il bollettino quotidiano.

Secondo quanto riferito dai media brasiliani, questa scelta, già molto criticata, è arrivata dopo che Bolsonaro ha dichiarato che i dati complessivi, "oltre a non indicare che la maggior parte non è più colpita dalla malattia, non rispecchiano il momento che il Paese sta vivendo". "Altre azioni sono in corso per migliorare la comunicazione dei casi e la conferma diagnostica" ha annunciato su Twitter.

Ma le proteste nel Paese, secondo al mondo solo agli Stati Uniti per numero di contagi, si accendono. In migliaia hanno marciato a San Paolo e Brasilia contro il presidente di estrema destra e la sua condotta politica soprattutto durante la pandemia, vestiti di nero, suonando tamburi e con strisconi con scritto: "Tutti per la democrazia", "Contro il razzismo e il fascismo" e "Il terrorismo è la politica di sterminio del governo".

In contemporanea, a San Paolo, si è svolta anche una piccola contro-manifestazione dei supporter di Bolsonaro con un folto schieramento di polizia per vigilare che i cortei restassero separati. Il presidente ha sempre negato l'emergenza e si è detto a favore delle riaperture e con questa nuova decisione sull'oscuramento dei dati la tensione è alle stelle.

Si parla di

Video popolari

Tensione in Brasile, Bolsonaro oscura dati su casi e morti Covid

Today è in caricamento