Domenica, 11 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Texas, "Pensavo fosse una bufala" e muore dopo un Covid Party

Appello di Appleby, primario del Methodist Hospital, St. Antonio

Milano, 13 lug. (askanews) - I Covid party vanno interrotti: ecco

l'appello di Jane Appleby, primario al Methodist Hospital di San

Antonio, in Texas, dove è morto un uomo di 30 anni che aveva

partecipato a una festa, convinto che il Covid-19 fosse una

bufala. Appleby chiede che si interrompano subito i Covid party,

feste alle quali starebbero partecipando i ragazzi americani che

non credono alla pericolosità del Coronavirus.

"Quello che abbiamo imparato su questo virus è che non discrimina

e nessuno di noi è invincibile", afferma la dottoressa, per poi aggiungere.

"Questa settimana ci siamo presi cura di un paziente di 30 anni

all'ospedale metodista che ha detto alla sua infermiera che

avevano partecipato a una festa Covid. Si tratta di party dati da

qualcuno a cui è stato diagnosticato il virus: si ritiene che le

persone si riuniscano per vedere se il virus è reale e se

qualcuno viene infettato. Poco prima che il paziente morisse, ha guardato la sua

infermiera e ha detto: Penso di aver fatto un errore. Pensavo

fosse una bufala, ma non lo è".

Si parla di

Video popolari

Texas, "Pensavo fosse una bufala" e muore dopo un Covid Party

Today è in caricamento