Giovedì, 4 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"The Shift", quando un attentato è nelle mani di un adolescente

Il Thriller di Tonda alla Festa di Roma e in sala dal 5 novembre

Roma (askanews) - Il regista Alessandro Tonda porta alla Festa di Roma, e nei cinema dal 5 novembre, "The Shift", un film che tratta con una prospettiva insolita un tema delicato come quello degli attentati di matrice islamica. Girato a Bruxelles, interpretato dall'attrice francese Clotilde Hesme e da Adamo Dionisi, è un thriller con un ritmo serrato che mostra un ragazzo che prende in ostaggio un'ambulanza dopo aver compiuto un attentato in una scuola. Con la cintura esplosiva che ha ancora addosso minaccia i paramedici e un'intera città.

Con l'emergenza Covid si è parlato meno di questi argomenti ma i recenti attentati a Parigi dimostrano che quel tipo di attacchi non sono purtroppo terminati. Il regista spiega:

"Il film credo sia ancora molto attuale, non tanto per i fatti di cronaca, a parte purtroppo per le ultime cose che sono successe recentemente, è molto attuale perché parla di eroi contemporanei, che sono i paramedici.

"Io credo che il fenomeno del terrorismo, per quanto il film non sia un film sul terrorismo ma lo affronti e lo racconti nella sua cornice, questo fenomeno secondo me è ancora caldo. Fino a quando non smetteremo forse di fare un po' delle barricate, e di dire: questo è il mio Paese, questa è la mia cultura, questa è la mia tradizione, e fino a quando non ci apriremo alle altre culture e agli altri Paesi dovremo ancora subire probabilmente".

Nel film il protagonista è poco più di un adolescente, vittima in qualche modo anche lui di un fanatico.

"I ragazzi di adesso che crescono con i videogiochi, che crescono senza il contatto sociale per scelta, quindi sui social, che non vivono la vita, non vivono le relazioni. Soprattutto oggi i ragazzi si trovano in una situazione di emergenza, credo".

Si parla di

Video popolari

"The Shift", quando un attentato è nelle mani di un adolescente

Today è in caricamento