Venerdì, 18 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tragedia funivia, pm: freno disattivato consapevolmente più volte

Sveglio il bambino di 5 anni, unico sopravvissuto

Stresa, 26 mag. (askanews) - Non è stata una disgrazia o una fatalità l'incidente mortale alla funivia Stresa-Mottarone in cui sono morte 14 persone fra cui due bambini. I tre fermati, il gestore e due dipendenti, hanno confessato di aver deliberatamente lasciato il forchettone che bloccava il freno d'emergenza. Un modo per evitare i continui blocchi alla funivia dovuti a un malfunzionamento, ha spiegato la pm di Verbania Olimpia Bossi.

"È stata una scelta assolutamente consapevole, non si è trattata di una omissione occasionale o di una dimenticanza è stata una scelta precisa di disinnescare, disattivare questo sistema di emergenza, per ovviare a problemi, inconvenienti tecnici che si stavano verificando sulla linea dovuti proprio a un malfunzionamento di questo sistema frenante di emergenza".

Sistema che se fosse stato attivo, dopo la rottura della fune, avrebbe bloccato la cabina, evitando che scivolasse indietro a gran velocità schiantandosi prima contro un pilone e poi volando giù per 20 metri.

"Noi abbiamo ritenuto che fosse una scelta non di un singolo ma condivisa e ahimè non limitata a quel giorno"

Arrivano notizie buone invece dall'ospedale Regina Margherita di Torino in cui è ricoverato l'unico sopravvissuto, un bambino di 5 anni: ha aperto gli occhi ed è stato estubato. Nella tragedia ha perso genitori, bisnonni e il fratello di due anni.

Si parla di

Video popolari

Tragedia funivia, pm: freno disattivato consapevolmente più volte

Today è in caricamento