Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Trovati resti ossei, sarà il Dna a stabilire se sono di Gioele

Recuperati con una magliettina nelle campagne di Caronia

 

Messina, 19 ago. (askanews) - Sarà l'esame del dna a stabilire se i resti ossei trovati stamani nelle campagne di Caronia appartengono al piccolo Gioele Mondello, il bambino di 4 anni sparito il 3 agosto scorso con la madre Viviana Parisi, trovata poi senza vita. I resti (un femore e il tronco) sono stati individuati in contrada Sorba a circa 200 metri dall'autostrada Messina-Palermo, dove la dj torinese aveva abbandonato l'auto dopo un tamponamento. A trovarli, insieme a una piccola maglietta, è stato un ex carabiniere di Capo d'Orlando, giunto sul posto insieme ad altre decine di volontari che avevano raccolto l'appello di Daniele Mondello, il papà di Gioele, a cercare insieme a lui il figlio.

Le ossa si trovavano a poco meno di un km dal luogo in cui lo scorso 9 agosto è stato recuperato il cadavere della madre, ai piedi di un traliccio. Non è escluso che siano stati portati nel luogo del ritrovamento dagli animali selvatici presenti nella zona.

Subito dopo la segnalazione, sul posto è giunto il procuratore capo di Patti Angelo Cavallo, insieme agli agenti di polizia, ai vigili del fuoco e agli uomini della forestale.

Quindi sono arrivati anche i familiari del bambino, tra cui il nonno paterno Letterio Mondello (+++00.17+++), a cui saranno mostrati gli indumenti strappati e la magliettina.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento