Venerdì, 7 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tumori sangue, al centro i pazienti con progetto "Mielo-Spieghi"

Il Covid ritarda ulteriormente diagnosi e trattamenti

Roma, 16 apr. (askanews) - Un ruolo attivo dei pazienti, l'invito alla prevenzione e, in questo tempo di pandemia, alla vaccinazione. Al via la campagna "Mielo-Spieghi", progetto di informazione sulle neoplasie mieloproliferative croniche (MPN) Philadelfia negative, (promossa da Novartis in collaborazione con AIPAMM e con il patrocinio di AIL e del MPN Advocates Network).

Tumori rari del sangue, caratterizzati da alterazioni del midollo osseo e da sintomi aspecifici. Spiega Francesco Passamonti, Ordinario di Ematologia all Università di Varese e Direttore Ematologia ASST Sette Laghi di Varese .

"Le neoplasie mieloproliferative sono tre malattie: la trombocitemia essenziale che ha tante piastrine, la policitemia vera che ha tanti globuli rossi, e a volte tanti globuli bianchi e tante piastrine e la mielofibrosi che è eterogenea, può avere tanti globuli bianchi ma anche pochi, tendenzialmente poca emoglobina e può avere tante piastrine o poche.

Le tre malattie hanno una base genetica comune legata a mutazione di un gene, il Jack2 e hanno un corteo di sintomi: prurito, stanchezza, alto rischio di trombosi, sudorazione di notte, calo di peso, febbre e certo rischio di evolvere verso leucemia acuta.

"La diagnosi precoce è molto importante soprattuto perché sono malattie rare e possiamo farle studiando bene emocromi dei pazienti. La diagnosi precoce consente di definire bene la malattia e stabilire col paziente un patto di cura, un programma di cura e a volte una cura stessa".

Il Covid ha impattato perché il rischio di morire per i pazienti ematologici in generale è del 37%, che è 42 volte superiore al rischio di morire per la malattia in assenza di Covid. L'invito è fare in modo che i pazienti ematologici vengano vaccinati. Un programma di attività che punta sul ruolo attivo dei pazienti, per richiamare l'attenzione sui sintomi, accorciare il tempo alla diagnosi e migliorare la gestione della malattia.

Come spiega Sergio Amadori, Presidente Nazionale AIL: "Quello che vogliamo fare noi con iniziativa MieloSpieghi è di fare una informazione trasparente ma scientificamente corretta ai pazienti. Per far capire che a questi fastidi deve cercare di reagire e di attivare un percorso di diagnosi e di terapia".

In epoca di pandemia, la situazione si è complicata. E l'invito è alla vaccinazione.

"Vaccinatevi tutti. Anche se il tumore è sonnolente, continua a camminare. Se il paziente si infetta, finisce in terapia intensiva. Nessuna paura dei vaccini".

Un progetto che mira alla prevenzione e alla informazione.

Antonella Barone, Presidente AIPAMM:

"Fin dall'inizio siamo stati coinvolti in questa campagna perché in queste malattie croniche rare c'è bisogno di informazione: hanno la caratteristiche di essere tumori e cronici e i pazienti hanno bisogno di capire fino a che punto sono malati. C'è un grande bisogno e questa campagna ha voluto riempire questo vuoto informativo in maniera organica cercando di ricostruire una informazione organica che andasse ad affrontare i vari aspetti sia della malattia che relazionali".

Si parla di

Video popolari

Tumori sangue, al centro i pazienti con progetto "Mielo-Spieghi"

Today è in caricamento