rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022

Ucraina, il caro prezzo pagato da Irpin: "Qui è l'apocalisse"

Il racconto dei pochi residenti rimasti e sopravvissuti

Roma, 2 apr. (askanews) - Irpin è di nuovo sotto il controllo delle forze dell'Ucraina ma è devastata. La città al confine nord-occidentale di Kiev ha resistito alla forza dell'invasione russa ma ha pagato un prezzo altissimo. I pochi residenti rimasti si contano sulle punta delle dita e raccontano di come sono sopravvissuti a oltre un mese di bombardamenti incessanti. Qui è "l'apocalisse" raccontano.

"Ogni 20-30 secondi sentivamo colpi di mortaio dalla direzione di Bucha - racconta Bogdan, residente di Irpin - si sentivano da tre a cinque colpi in un posto, poi una breve pausa, penso per riadattare il mortaio, poi altri tre-cinque colpi in un'altra zona".

"Nella mia casa, le lampade dei lampadari sono cadute a causa delle esplosioni. Durante i bombardamenti ci siamo seduti in casa in un angolo, dove i muri sono più spessi" ricorda Viktor.

E Oksana che vive alla periferia di Irpin dice: "Alle 4 del mattino qui è iniziato l'inferno. Alle 7:44 sono corsa e ho preso cibo per i nostri animali domestici, ho gatti, cani qui, ho pensato di dare loro da mangiare. E non ho avuto il tempo di correre dalla mia mucca perché a quell'ora è iniziato l'inferno".

Irpin era un'elegante città di pendolari tra le foreste di pini. Ora i suoi moderni condomini pastello sono ridotti in macerie, le strade sono vuote, disseminate di auto con parabrezza sfregiati dai proiettili. I soccorritori stanno ancora recuperando i corpi dei morti prima di portarli al ponte saltato in aria che collega la città con Kiev. Secondo le autorità qui sono stati uccisi 200 civili.

(Immagini Afp)

Si parla di

Video popolari

Ucraina, il caro prezzo pagato da Irpin: "Qui è l'apocalisse"

Today è in caricamento