Venerdì, 25 Giugno 2021

Ue a Astrazeneca: risposte non soddisfacenti, chiarezza su export

L'autorizzazione dell'Ema entro la fine della settimana

Milano, 25 gen. (askanews) - "Le risposte della società non sono state soddisfacenti finora". Così la commissaria europea alla Salute Stella Kyriakides ha espresso tutto il disappunto dell'Unione europea dopo l'incontro con i dirigenti di Astrazeneca in seguito all'annuncio di una riduzione delle dosi previste del 60%.

Una nuova rimodulazione che ha costretto a rivedere i piani vaccinali degli Stati membri, Italia compresa, definita "inaccettabile" dall'Europa. "L'unione europea ha finanziato lo sviluppo del vaccino e la produzione e vuole vedere il ritorno, vuole sapere quali dose sono state prodotte, se e a chi saranno date", ha detto la commissaria che annuncia anche modifiche nei futuri contratti con le aziende farmaceutiche che vorranno produrre vaccini in Europa: dovranno dire prima se e a chi avranno intenzione di venderlI extra Ue. Sono escluse le forniture a fini umanitari.

Previsto un nuovo incontro con Astrazeneca sulla questione, mentre l'Ema continua con l'iter di approvazione per il loro vaccino, che arriverà entro la fine della settimana.

Si parla di

Video popolari

Ue a Astrazeneca: risposte non soddisfacenti, chiarezza su export

Today è in caricamento