Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ue, Mattarella e Steinmeier: ora insieme per ripresa post Covid

"Vaccini accessibili a tutti per sconfiggere il virus"

 

Roma, 18 set. (askanews) - Un'Europa più forte, grazie alla amicizia "solidissima e assoluta" tra Italia e Germania: un'Europa che nella pandemia ha ritrovato "l'ispirazione delle origini", la "solidarietà", arrivando a traguardi inimmaginabili pochi mesi prima, come il Recovery Fund. Sergio Mattarella e Frank-Walter Steinmeier si sono ringraziati a vicenda durante il panel conclusivo a Milano della visita ufficiale del presidente della Repubblica Federale di Germania nel nostro Paese, dando ognuno merito all'altro per aver contribuito a creare un clima nuovo in Europa.

Impegno da parte di entrambi a proseguire su questa linea nella sfida per la ripresa post pandemia soprattutto considerando le "interdipendenze" tra le economie dei due paesi. "Mi sembra sia emersa la considerazione che il Covid o meglio la reazione al Covid abbia costituito un fattore di accelerazione di tendenze già disegnate e in parte in atto o di esigenze già presenti che risultano accelerate per come si è dovuto rispondere alle conseguenze della pandremia. Si è parlato di natura e tecnologia, due pinti che sono molto vicini, non estranei, anche perché la ripresa passa dalla tecnologia capace di disegnare anche un miglior rapporto tra la natura e le attività umane".

Insieme, quindi, si è detto, Italia e Germania, devono contribuire alla rinascita tecnologica europea: lo sviluppo nella transizione energetica e nelle tecnologie è "inarrestabile" ed è auspicabile che l'Europa si collochi "alla testa" di questo processo per "dare attuazione al green deal".

Infine, il tema della pandemia: entrambi i presidenti hanno auspicato vaccini accessibili per tutti, perché solo così si potrà considerare sconfitto il virus.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento