Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un’Università immersa nel verde, tra formazione d'eccellenza, vita e svago

Ecco come scegliere l’ateneo dove studiare senza annoiarsi mai

 

Hai accantonato con successo la maturità ed è giunto il momento di scegliere l’ateneo che fa per te, ed ecco che inizi a sondare il terreno raccogliendo pareri: meglio un grande campus immerso nel verde di una piccola città o un polo universitario nel centro di una grande città?

Un grande centro urbano può risultare caotico, dispersivo e molto costoso; inoltre, in questo contesto, un giovane studente potrebbe avere difficoltà a socializzare, tessere un rapporto diretto con il corpo docenti e ottenere borse di studio e sovvenzioni. D’altro canto, un polo universitario in una grande città offre una maggiore sicurezza in termini di didattica e occupazione post laurea.

Ma siamo sicuri che una piccola città non possa dare le stesse garanzie e allo stesso tempo offrire qualcosa in più? L’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, ad esempio, è un’eccellenza universitaria immersa nel verde: 13 dipartimenti, 2 campus, oltre 27.000 iscritti, ben 58 corsi che coprono tutte le aree di studio, numerosi programmi di cooperazione internazionale, collaborazioni con le aziende locali, progetti volti a salvaguardare l’ambiente, strutture sportive dove svolgere attività all’aria aperta.

Agli indecisi rammentiamo che, durante il weekend, è possibile tornare velocemente a casa grazie alla vicinanza all’aeroporto e alle stazioni ferroviarie, oppure correre al mare durante le giornate più calde, o sulle piste da scii durante la sessione invernale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento