Martedì, 2 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uno spazio altro per la pittura: le OGR riaprono con una sfida

Una mostra curata dall'artista americana Jessica Stockholder

Torino, 15 feb. (askanews) - Un grande ring, installazioni a pavimento, composizioni visuali. Alle Officine Grandi Riparazioni di Torino, dopo le chiusure per la pandemia, si prova a parlare di pittura e lo si fa in modo, ovviamente, adeguato alla tipologia di spazio espositivo, con la mostra "Cut a bug a round square", curata dall'artista americana Jessica Stockholder. A presentarci il progetto il curatore delle OGR, nonché mente brillante del contemporaneo, Samuele Piazza.

"La scelta di fare una mostra di pittura in OGR - ha spiegato ad askanews - era una sfida, in primis perché non abbiamo le pareti bianche su cui normalmente siamo abituati a vedere la pittura, non siamo uno spazio da galleria, siamo l'opposto di un white cube, e in effetti la scelta di lavorare con un'artista come Jessica Stockholder è stata proprio per avere una visione eccentrica rispetto a quello che può essere un dialogo sulla pittura. Lei nasce come pittrice, ma presto abbandona la pittura intesa in senso più letterale per andare a espandere il proprio linguaggio verso forme installative".

E anche le opere proposte in mostra, da Mona Hatoum a Monica Bonvicini, da Marlene Dumas alla stessa Stockholder, contribuiscono, complice l'allestimento, ad aprire nuovi spazi di pensiero nei confronti dell'idea stessa di pittura o, meglio, del nostro modo di pensare a questa pratica di cui si annuncia periodicamente la morte, salvo poi stupirsi di nuovo per la scoperta di un altro grande dipinto. E il gioco, in OGR, è quello di sfidare i limiti del nostro abituale modo di stare di fronte alla pittura.

"I limiti di quello che viene inteso come pittura vengono espansi in maniera secondo noi produttiva - ha aggiunto Samuele Piazza - e per uno spazio come questo che ha spesso riflettuto sull'idea di installazione è un'aggiunta al ventaglio di possibilità".

La mostra, realizzata dalla Fondazione CRT in collaborazione con la collezione "la Caixa" di Barcellona, somiglia a una conversazione multipla, nella quale sembra che ciascun partecipante racconti cose diverse, talvolta perfino astruse, ma in realtà, ascoltando meglio, ci si accorge che il discorso è coerente e, soprattutto, stimolante. Sia come semplice dispositivo artistico, sia come attivatore di riflessioni sul medium pittorico e sul modo in cui questo può vivere anche in uno spazio stratificato e complesso come quello dell'ex fabbrica torinese.

Si parla di

Video popolari

Uno spazio altro per la pittura: le OGR riaprono con una sfida

Today è in caricamento