Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Usa, agenti accusati della morte di Floyd insieme in tribunale

Chiedono processi separati. Proteste a Minneapolis: giustizia

 

Roma, 11 set. (askanews) - Il poliziotto statunitense accusato dell'omicidio di George Floyd, il 46enne afroamericano la cui morte a maggio ha scatenato proteste in tutto il mondo, è comparso in tribunale per la prima volta insieme agli altri tre agenti accusati di essere implicati nell'omicidio.

Mentre decine di manifestanti fuori dal Family Justice Center di Minneapolis hanno chiesto giustizia, i quattro hanno cercato di ottenere processi separati; i documenti del tribunale hanno mostrato che ognuno di loro ha cercato di addossare la colpa della morte di Floyd agli altri.

Derek Chauvin, accusato di omicidio di secondo e terzo grado e omicidio colposo dopo essere stato ripreso mentre premeva il ginocchio sul collo di Floyd fino alla morte, sostiene che la causa del decesso è stata un'overdose di fentanil e ha accusato altri due agenti di non aver valutato correttamente le condizioni di Floyd. L'accusa ha respinto la richiesta di overdose come "ridicola" e ha detto che tutti e quattro - Chauvin, Thomas Lane, Alexander Kueng e Tou Thao - avrebbero dovuto essere processati insieme sulla base di "prove sostanziali" che hanno "lavorato in stretta collaborazione" quando Floyd è stato ucciso.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento