Domenica, 28 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Usa, primo trapianto al mondo simultaneo di volto e mani

Eseguito con successo su un 22enne del New Jersey

Roma, 4 feb. (askanews) - Joe DiMeo, 22 anni, è il primo uomo al mondo a essersi sottoposto con successo a un trapianto simultaneo di faccia e mani. Il ragazzo, originario del New Jersey, aveva ustioni di terzo grado su oltre l'80% del corpo dopo un grave incidente d'auto.

È rimasto mesi in ospedale, tra reparto ustionati e coma farmacologico indotto ora, dice, ha avuto una seconda possibilità, e ha ringraziato i medici del NYU Langone Health, che hanno effettuato la procedura pionieristica usando le mani e il tessuto facciale di un donatore morto accuratamente rimossi e sostituiti con protesi stampate in 3D. Un intervento complicato, durato circa 23 ore, lo scorso agosto, e che ha coinvolto un team di 96 operatori sanitari guidati dal prof. Eduardo Rodriguez. Prima di Joe altri due trapianti simultanei di faccia e mano erano falliti. Uno dei pazienti era morto per complicazioni legate all'infezione.

Il trapianto ha coinvolto entrambe le mani fino a metà avambraccio, comprese le ossa del radio e dell'ulna, 21 tendini. La faccia è stata trapiantata interamente, fronte compresa, entrambe le orecchie, il naso, le palpebre, le labbra e i segmenti sottostanti di cranio, guance, naso e mento.

Una procedura molto rischiosa ma che è stata un successo dicono i medici. "Le capacità motorie del paziente continuano a migliorare" spiega il dottor Rodriguez che rimane comunque cauto.

ups 1.05 "Non abbiamo certezze che non avrà un rigetto ma lo monitoriamo, gli diamo farmaci e seguiamo un rigido protocollo di immunosoppressione, dobbiamo essere molto attenti che Joe non abbia alcun trauma alle mani o al viso. Una qualche lesione traumatica potrebbe esporlo a un rigetto acuto. La possibilità esiste sempre".

Il ragazzo ha detto di sentirsi come rinato e ha paragonato l'apprendimento dell'uso delle sue nuove mani a quello di un bambino che afferra gli oggetti per la prima volta.

"Posso fare un sacco di cose, a volte apro una bottiglia d'acqua, è piuttosto difficile - dice - non so se sto stringendo abbastanza forte o no. Ma in ogni caso posso fare un sacco di cose".

Si parla di

Video popolari

Usa, primo trapianto al mondo simultaneo di volto e mani

Today è in caricamento