Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Usa2020: Convention democratica, le donne attaccano Trump

Famose e meno note. Messaggio chiaro dalle notabili del partito

 

Roma, 20 ago. (askanews) - Tante donne mercoledì sera alla Convention democratica virtuale, una sfilza di attacchi al presidente in carica Donald Trump dalle notabili del partito, a cui si è unito l'ex presidente Barack Obama. Ecco un assaggio della serata:

Nancy Pelosi, Speaker della Camera: "Come leader della maggioranza alla Camera ho visto in prima persona la mancanza di rispetto di Donald Trump per i fatti, per le famiglie, per le donne soprattutto. Mancanza di rispetto chiara dalle sue politiche per la salute e i nostri diritti, e non solo dalle sue azioni."

Estela Juarez, 11 anni, madre deportata in Messico: "Ora mia madre è andata via senza motivo. Ogni giorno che passa lei deporta altre mamme e altri papà e li toglie a bambini come me."

La cantante Billie Eilish: "Donald Trump sta distruggendo il nostro paese e tutto quello a cui teniamo. Ci servono leader che risolvano problemi come il Covid e il cambiamento climatico, non che li negano".

Elizabeth Warren, senatrice del Massachussets, ex candidata presidente: "L'ignoranza e l'incompetenza di Donald Trump sono sempre state un pericolo. Il Covid-19 è stato il suo esame più importante e ne è uscito bocciato clamorosamente".

Gabrielle Giffords, ex deputata Arizona, vittima di un attentato: "Siamo a un punto di svolta: possiamo lasciare che le sparatorie continuino o possiamo agire. Possiamo proteggere le nostre famiglie e il nostro futuro".

Hillary Clinton, candidata democratica alle presidenziali del 2016: "Non dimenticatelo: Joe e Kamala possono vincere per tre milioni di voti e perdere le elezioni. Io ne so qualcosa. I numeri devono essere massicci perché Trump non possa rubare la vittoria."

Barack Obama, ex presidente Usa: "Speravo, per il bene del nostro paese, che Donald Trump mostrasse un qualche interesse a prendere sul serio il suo incarico. Che prima o poi capisse il peso del suo posto e scoprisse un po' di rispetto per la democrazia che gli era stata affidata. Ma non è mai successo".

Kamala Harris, candidata vicepresidente: "L'incapacità di essere leader di Donald Trump è costata cara in vite e in lavori"

Hillary Clinton: "Mi piacerebbe che Donald Trump sapesse come essere un presidente, perché l'America ha bisogno di un presidente adesso".

Nancy Pelosi: "Ma noi sappiamo quello che lui non sa: quando le donne trionfano, l'America trionfa".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento