Martedì, 11 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccinazioni in farmacia, a Napoli c'è un po' di confusione

C'è chi è d'accordo e chi vorrebbe chiedere aiuto al 118

Napoli, 30 mar. (askanews) - "Non si sa più quello che ci vogliono fare e quello che non ci vogliono fare. Praticamente mi sembra ci sia il vaccino del povero e il vaccino del ricco".

Qualche luogo comune e tanta confusione sui vaccini. La questione resta fumosa mentre si avvia nella pratica la vaccinazione in farmacia. Una soluzione che piace a questo signore napoletano.

"Sì, assolutamente giusto. Più punti vaccinali ci sono, meglio è".

E anche questa passante sembra positiva:

"Vabbè sono d'accordo. Diamo la possibilità con persone di competenza di poter fare questi vaccini. Abbiamo la possibilità di vaccinare quante più persone possibili".

Secondo l'Accordo quadro tra il Governo, le Regioni e province autonome e le associazioni di categoria Federfarma e Assofarm, prenotazioni ed esecuzione dei vaccini verranno eseguite, da parte delle farmacie, seguendo i programmi di individuazione della popolazione target definite dalle autorità sanitarie e dunque le priorità fissate.

Ma che idea hanno i farmacisti di quello che sarà il loro nuovo compito?

"Il 6 aprile ci daranno altri dettagli per poter capire come gestire la cosa. Arriveranno tre marche: Pfizer, AstraZeneca e Moderna".

L'iniziativa promette maggiore velocità, zero code, appuntamenti per tutti gli appartenenti alla fascia d'età da vaccinare e più semplicità. Ma i farmacisti dovranno conoscere a menadito il bugiardino di questi vaccini?

In 3.27 (Ehhh... Sì sicuramente)

"Sì sicuramente, anche se poi secondo me ci aiuterà il 118... Perché tutte queste cose non le sappiamo, andiamo un po' al buio, almeno adesso. Quindi in questa riunione che si terrà il 6 aprile sviscereremo tutte queste problematiche che non sono poche, anche perché un vaccino deve essere fatto a una popolazione anziché a un'altra. A seconda della fasce, forse ci diranno come ci dovremo comportare non solo al momento".

Quale percezione tra i pazienti?

"I pazienti sono contentissimi di farlo in farmacia, alcuni hanno timori. Ma il fatto che sarà fatto anche in farmacia li tranquillizza credo".

out 2.27 (cosa)

Si parla di

Video popolari

Vaccinazioni in farmacia, a Napoli c'è un po' di confusione

Today è in caricamento