Giovedì, 6 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccini, allarme Ciccozzi: non c'è tempo, produrli in casa nostra

Abbiamo i biorettori e le conoscenze: che aspettiamo?

Roma, 14 apr. (askanews) - Il caos comunicativo e le sospensioni per AstraZeneca prima e per Johnson & Johnson ora, hanno prodotto solo una perdita di tempo, laddove la vaccinazione deve essere accelerata. L'invito, e la speranza, è a produrre in casa nostra il vaccino anti-Covid. Lo spiega ad askanews il professor Massimo Ciccozzi, epidemiologo del Campus Biomedico di Roma.

"Stiamo perdendo tempo, e questo è un male, perché dovremmo vaccinare più in fretta possibile almeno gli over 60. La mediana della mortalità è un pochino scesa. L'accelerata non è tanto nel piano logistico, perché Figliuolo ha fatto un piano importante. Il problema è che non abbiamo i vaccini. Noi dobbiamo investire in due parti fondamentali: nella ricerca di base e nella farmaceutica nazionale. Dobbiamo metterci nella condizione di produrre noi i vaccini in casa: abbiamo i bioreattori, utilizziamoli per questo, abbiamo le conoscenze. Dobbiamo farlo, facciamolo".

Si parla di

Video popolari

Vaccini, allarme Ciccozzi: non c'è tempo, produrli in casa nostra

Today è in caricamento