Sabato, 6 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccini antinfluenzali ai bambini tra ritardi e disorganizzazioni

Biasci (Fimp): consegne a rate, c'era tempo per prepararsi

Roma, 4 nov. (askanews) - Vaccino antinfluenzale fortemente consigliato mai come quest'anno con la pandemia di Covid-19 anche per i bambini, nella fascia dai 6 mesi ai 6 anni. Ma si va a caccia delle dosi, come per gli adulti, regna un po' il caos nelle Regioni, si va in ordine sparso.

Paolo Biasci, presidente della Federazione italiana medici pediatri (FIMP): "Le problematiche di tipo organizzativo stanno emergendo settimana per settimana, si fa fatica a spiegare questa cosa se pensiamo che la preparazione alla fase post-estate, quella che stiamo vivendo ora, era possibile farla in modo migliore".

Difficoltà anche nel Lazio che ha fatto una forte campagna e si è posta l'obiettivo di vaccinare 2,4 milioni di persone contro l'influenza stagionale, ma per Teresa Rongai, Segretaria della sezione Roma e Lazio della Fimp, c'è stato un errore di valutazione e di distribuzione da parte delle Asl e molti pediatri hanno già finito le dosi o ne hanno ricevute poche. Alcuni distretti, racconta, hanno dovuto interrompere la somministrazione dei vaccini per alcune settimane. "In alcune regioni siamo riusciti a partire presto, a ottobre, in altre in questi giorni, è un'Italia a varie velocità e sull approviggionamento qualche difficoltà c è. Le aziende consegnano un po a tranche e a volte si creano buchi di un paio di settimane e anche noi dobbiamo rivedere tutta la nostra organizzazione".

Si parlava di organizzare la campagna vaccinale per i bambini già in primavera, su larga scala. "Nella circolare ministeriale già da un paio d'anni si dice anche di vaccinare i contatti di soggetti a rischio, se pensiamo a quanti nonni ci sono... Questo estende molto la circolare e la necessità di avere molte dosi anche in età pediatrica".

E ancora di più con il Covid. "Le mascherine, le misure di protezione e le vaccinazioni porteranno a un minor tasso epidemico del virus influenzale quest anno; che è un virus, tra l altro, che lascia anche qualche strascico, se non qualche complicazione e abbassa le difese immunitarie, quindi credo che dopo un'epidemia influenzale rischiare un Covid non sia il momento migliore. Evitare l influenza ci porta anche un vantaggio in questo senso".

Si parla di

Video popolari

Vaccini antinfluenzali ai bambini tra ritardi e disorganizzazioni

Today è in caricamento