Domenica, 28 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccini, epidemiologo Ciccozzi: Rna non è pericoloso, ecco perché

La differenza tra i 4 vaccini in Italia

Roma, 5 gen. (askanews) - A pieno regime, l'Italia potrà avere quattro tipi di vaccino contro il coronavirus: Pfizer, già arrivato, Moderna, è attesa l'autorizzazione dell'Ema, Astrazeneca e Reithera, ancora alla fase 1. Ma in che cosa si differenziano i vaccini? Quali tecniche utilizzate? Ne parliamo con il professor Massimo Ciccozzi, epidemiologo del Campus Biomedico di Roma.

"Abbiamo ancora un'arma in più, un vaccino in più, visto che non riusciamo a coprire tutte le dosi necessarie. Avremo a che fare con una vaccinazione con più vaccini, vaccini diversi con la stessa efficacia da combattere il Covid, così come quella sicurezza da non avere effetti collaterale, sono abbastanza sicuri ed efficaci. Saranno vaccini diversi: quello della Reithera, in fase 1, è un vaccino molto interessante, produzione italiana, usa un adenovirus dello scimpanzè attenuato con un Dna all'interno che produce la proteina Spike, non usa l'Rna messaggero".

Perché in molti hanno così paura dell'Rna messaggero: "Atrazeneca e Reithera usano adenovirus inattivato, con dentro Dna che produce proteina Spike. La differenza è la diversità del taxi usato per entrare. Non cambia nulla. Pfizer e Moderna utilizzano Rna messaggero, il vettore sono dei lipidomi, goccioline di grasso che si sciolgono all'interno. La paura di tanti è: cosa succede fra dieci anni? Rna dopo pochi giorni si degrada e finisce".

Sarà il governo - con il piano vaccinale - a decidere, a seconda dell'approvigionamento, chi farà un vaccino o l'altro. "Noi sappiamo che dobbiamo vaccinare il 70%-75% della popolazione italiana, avremo bisogno di almeno il doppio della dose, perché va fatto in due step diversi".

A proposito delle mutazioni, Ciccozzi spiega: "Il virus muta sempre, le varianti continueranno ad esserci finché ci sarà il virus. È importante monitorarle. Ad oggi abbiamo variante inglese, sudafricana, e italiana. Tutte queste varianti non sono però ancora tante da poter saturare tutti i pezzettini della proteina Spike che producono gli anticorpi. Il vaccino Rna per esempio è molto duttile, e se arriveremo a un punto in cui la proteina Spike è mutata talmente tanto, il vaccino può essere subito modificato e il vaccino sarà già pronto con la nuova proteina Spike".

Di Serena Sartini

Si parla di

Video popolari

Vaccini, epidemiologo Ciccozzi: Rna non è pericoloso, ecco perché

Today è in caricamento