Martedì, 2 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccino Covid, la neve ritarda le consegne. Polemica sull'obbligo

Sileri: se non ci sarà adesione di massa prenderemo contromisure

Roma, 29 dic. (askanews) - Il maltempo al Nord Italia con i relativi disagi alla circolazione ritarda anche la consegna dei vaccini Pfizer-BioNTech. In Piemonte e Liguria a causa delle abbondanti nevicate slitta la consegna delle dosi previste per continuare la campagna vaccinale, rispettivamente al 30 e al 31 dicembre.

Intanto, continua la polemica sulla Germania che ha stipulato un accordo bilaterale con Pfizer per avere molte dosi in più rispetto a quelle previste dal piano dell'Unione europea e in Italia, mentre si attende il via libera agli altri vaccini, in particolare quello Astrazeneca, si dibatte sulla obbligatorietà o meno del vaccino.

Dopo Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute, che si è detta a favore dell'obbligo per i dipendenti pubblici, il Sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri in un'intervista a La Stampa ha ribadito che per sconfiggere il virus serve un'adesione di massa. Al momento, "non è prevista alcuna obbligatorietà per il vaccino - ha sottolineato - ma se nei prossimi mesi, con più dosi e più vaccini disponibili, la campagna di vaccinazione non dovesse raggiungere i 2/3 della popolazione, allora si dovrebbero prendere delle contromisure, come imporlo".

Si parla di

Video popolari

Vaccino Covid, la neve ritarda le consegne. Polemica sull'obbligo

Today è in caricamento