Venerdì, 5 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccino Covid, medici di base: pronti a farne 500mila al giorno

Presidente Fnomceo Anelli: ci coinvolgano, siamo potenza di fuoco

Roma, 15 gen. (askanews) - All'indomani delle dichiarazioni del commissario straordinario per l'emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, sul coinvolgimento dei medici di base nella campagna vaccinale "in funzione della progressiva disponibilità di dosi e delle tipologie di vaccini", il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, dice che i medici di medicina generale sono pronti e aspettano di essere coinvolti. Potrebbero dare un contributo fondamentale.

"Noi avevamo dato la disponibilità grazie al fatto che attraverso il coinvolgimento dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta si sarebbero amplificati i posti dove poter fare la vaccinazione. Ne avremmo avuti circa 50mila e facendo anche solo 10 vaccinazioni al giorno potremmo vaccinare mezzo milione di persone, quindi una potenza di fuoco importante; avremo un numero di centri di vaccinazione così importante da riuscire a soddisfare tutte le esigenze".

Anche il ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato, spiega Anelli, l'intenzione del governo di coinvolgere medici di base e pediatri con i vaccini, ovviamente non quelli Pfizer che richiedono una conservazione complicata ma in particolare quelli Astrazeneca di cui si avvicina l'approvazione, prevista entro fine mese. Bisogna quindi organizzarsi definendo le priorità: se in base alle fasce d'età o "associando anche le fasce di rischio in ragione delle patologie e delle malattie croniche". "La macchina è rodata, è quello che facciano per la vaccinazione antinfluenzale o antipneumococcica, si può ripetere il meccanismo e davvero rendere veloce la copertura vaccinale per gli italiani".

I medici, dice, hanno dato ampia disponibilità una volta che sono stati vaccinati; i percorsi sono sicuri e si potranno vaccinare naturalmente solo persone senza una patologia infettiva in atto. Inoltre, le risorse ci sono.

"Il governo aveva stanziato circa un miliardo di euro a maggio scorso per incentivare l'assunzione da parte delle Rgioni di infermieri e io credo che quelle risorse vadano messe oggi a disposizione della medicina generale, se questo avvenisse la capacità di vaccinare migliorerebbe in termini di efficienza e potremmo vaccinare non dieci, ma 20-30 persone al giorno".

Servizio di Lucilla Andrich

Si parla di

Video popolari

Vaccino Covid, medici di base: pronti a farne 500mila al giorno

Today è in caricamento