Venerdì, 5 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Valentina Parisse pubblica "Proteggi", tra paure e fragilità

Il nuovo singolo della cantautrice già in top50 classifica EarOne

Roma, 8 feb. (askanews) - "Proteggi" (Polydor/Universal Music Italia) è il nuovo singolo di Valentina Parisse, già nella Top50 della classifica Italiani di EarOne a pochi giorni dall'uscita.

Un brano che racconta le paure, le fragilità e le insicurezze che caratterizzano le relazioni interpersonali, che sentiamo, oggi più che mai, come un bene indispensabile della nostra vita.

Il singolo, missato da Chris Lord-Alge (vincitore di 5 Grammy) e masterizzato da Antonio Baglio (vincitore di 2 Grammy e 12 Latin Grammy), è stato scritto da Valentina insieme agli autori Alfredo Rapetti Mogol "Cheope" e Davide Napoleone, e prodotto da Francesco "Katoo" Catitti. L artwork della cover è a cura di Nerina Fernandez Designer.

"Proteggi" è anche un videoclip, per la regia di Matteo Montagna, prodotto da Alternative Production.

"Concepire e poi realizzare questo videoclip è stato, per me, particolarmente emozionante - racconta Valentina Parisse - Col regista Matteo Montagna abbiamo parlato a lungo di cosa volessi comunicare attraverso le immagini. Un video ha ragione di essere quando evoca e non quando descrive una canzone, quando provoca emozioni anziché dettarle. Ogni spettatore ha la libertà di cogliere una scena, un particolare e farlo suo, così come succede con le canzoni. L immobilità ed il confinamento a cui siamo stati tutti costretti da oltre un anno è ben rappresentato dalle statue riprese nel video, ma era fondamentale inserire nella narrazione anche un personaggio che, attraverso la sua fisicità, potesse esprimere la sofferenza del momento, ma anche l energia che tutti abbiamo dentro e che, mai come adesso, abbiamo bisogno di recuperare. Quando ho visto le performance di Angelo Recchia ho subito capito che era l artista perfetto con cui collaborare. I suoi movimenti cantano il brano, ogni singolo sentimento che ho messo nel testo della canzone è fedelmente rappresentato attraverso il movimento del suo corpo.

La sua espressività mi ha ricordato Buster Keaton, del quale adoro le opere, che spesso hanno trattato il tema dell'imprevedibilità della vita e della resilienza. Sono grata, inoltre, a tutta la squadra di persone e amici di incredibile talento che ha reso possibile questa piccola storia di Proteggi , dal flower design di Florem Lab, all Atelier Ilario "Alta Sartoria Italiana", dallo styling alla troupe di ripresa, a tutti gli artisti che hanno dato il loro contributo di artigianale passion".

Si parla di

Video popolari

Valentina Parisse pubblica "Proteggi", tra paure e fragilità

Today è in caricamento