Sabato, 27 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Variante Covid, prof. Puoti: "Improbabile che resista al vaccino"

L'infettivologo: "Dati ancora scarsi ma sembra non più letale"

Roma, 21 dic. (askanews) - Secondo la maggior parte degli esperti al momento non ci sono evidenze scientifiche dell'inefficacia del vaccino contro il Covid-19 per la variante del virus scoperta in Gran Bretagna. A pensarla così anche il professor Claudio Puoti, infettivologo ed epatologo, responsabile del Centro di epatologia dell Istituto Ini di Grottaferrata.

"Come tutti i virus bisogna considerare che anche il Sars-Cov2 subisce delle mutazioni. Maggiore è la circolazione di un virus, maggiore sarà il numero dei soggetti infetti, maggiore il numero di particelle virali neoformate e quindi maggiore il rischio di mutazioni. Questa variante, che è stata definita D614G, presenta ben 17 mutazioni e sembra che in Inghilterra, anche se in Spagna forse già era presente da qualche mese, sia passata a rappresentare da un quarto delle infezioni a due terzi, in poco tempo. È chiaro che si pongono tre domande: è maggiormente aggressiva e letale? È più diffusiva e contagiosa? Risponderà meno bene ai nuovi vaccini?

"Dati gli scarsi dati che abbiamo finora sarebbe presuntuoso e preliminare pensare di dare risposte certe a queste domande, ma a grandi linee, probabilmente, la nuova variante è estremamente più contagiosa e maggiormente trasmissibile rispetto agli altri ceppi virali perché questa mutazione ne ha aumentato la fitness, la capacità di diffusione e adattamento all'ospite; non sembra però per fortuna che possa essere considerata più aggressiva e letale rispetto ai ceppi che conosciamo; per quanto riguarda la risposta al vaccino, poiché la proteina spike che è l'antigene di superficie contro la quale vengono diretti gli anticorpi indotti dai vaccini è interessata in misura minima da queste mutazioni è estremamente improbabile che la nuova variante D614G possa essere resistente ai nuovi vaccini".

Si parla di

Video popolari

Variante Covid, prof. Puoti: "Improbabile che resista al vaccino"

Today è in caricamento