Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaticanista Marco Politi sul caso Becciu: "Francesco è solo"

Prima volta che vicenda simile viene segnalata da organi vaticani

 

Roma, 28 set. (askanews) - "Francesco è solo". Così il vaticanista Marco Politi, attuale editorialista del Fatto Quotidiano, in un'intervista a France Presse ha commentato lo scottante caso Becciu, il cardinale prefetto della Congregazione dei santi che si è dovuto dimettere.

"Questa vicenda è nata in ottobre e a differenza di altre volte non sono stati i giornalisti a segnalarla o Vatileaks, sono stati gli organi vaticani, l'autorità di informazione finanziaria e il revisore generale a segnalare che qualcosa non funzionava con gli investimenti, quindi significa che una parte delle riforme di Francesco comincia a funzionare", ha spiegato il giornalista e scrittore.

"È stato un gesto napoleonico. Francesco con il suo pugno di ferro ha voluto mostrare che non esistono santuari, non esistono feudi che non possano essere colpiti", ha aggiunto.

"Questa è la primissima volta che un membro dell'alta gerarchia di governo del Vaticano viene espulso dal collegio cardinalizio, quindi è un esempio che Francesco ha voluto mostrare", ha ricordato.

"In questo terremoto risalta però la solitudine di Francesco, Francesco è solo, perché i conservatori sono anche contenti che ci siano scandali, poi c'è una palude che non parla mai e che non interviene mai in favore del Papa e anche il fronte riformista che dovrebbe appoggiare Francesco non ha preso parola per sostenerlo in questa battaglia contro la cattiva gestione dei soldi della Chiesa", ha commentato.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento