Venerdì, 14 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Venezia, la città dove lo spazio prende la rivincita sul tempo

Marco Nereo Rotelli, la Laguna, Brosdkij: i 1600 anni di un mito

Venezia, 25 mar. (askanews) - "Sono giunto a Venezia per terra da nord, per mare da sud, dall'Istria o dalla isole del Quarnaro, con il vento o controvento. Ogni volta la città era simile e diversa al tempo stesso, di giorno e di notte, con il sole o con la pioggia".

Sono le parole di Predrag Matvejevic, filosofo e cantore del Mediterraneo, a introdurci nell'inafferrabilità di Venezia, la città forse più famosa al mondo e, al tempo stesso, la più sconosciuta. Un luogo impossibile che il 25 marzo del 2021 festeggia i 1600 anni dalla mitica fondazione, quando gli abitanti della terraferma scelsero le paludi malsane della laguna per fuggire alla furia dei barbari. E lì, nel 421 d.C., cominciarono a costruire Venezia.

"Se la guardiamo intellettualmente non c'è più bella definizione di quella di Brosdkij, che dice che Venezia è l'unica città nella quale lo spazio si prende la rivincita sul tempo". Marco Nereo Rotelli è un artista veneziano, che da sempre ha rielaborato le immagini della sua città. E oggi, quando gli chiediamo di provare a riassumere Venezia, sceglie di citare Italo Calvino.

"Non puoi capire cos'è Venezia - ha aggiunto l'artista - se giocando a calcio non ti è finito il pallone nel canale. Venezia è un po' questa, ha un'aria domestica propria di una città che senti nel cuore".

E poi Venezia è la città dove Shakespeare ha fatto muovere Shylock, dove Thomas Mann, e poi Luchino Visconti, hanno raccontato la decadenza e la fine di un'epoca, ma è anche l'icona del turismo globale che qualcuno ancora considera una sorta di parco a tema. Ma è solo questione di ciò a cui decidiamo di voler credere.

"Esiste, ed è la bellezza del veneziano e di Venezia - ci ha detto ancora Rotelli - una città sposta di qualche grado rispetto al percorso che solitamente fa il turista e lì ci sono le magie, per questo in fondo il veneziano ama Venezia quando è inospitale, quando ha le sue nebbie e i suoi silenzi. Anche se quando diventa un po' troppo inospitale, come adesso, magari si preoccupa oggettivamente. Però la Venezia di novembre è magica".

Il presente, con i lockdown e i silenzi del tempo della pandemia, appunto. Le calli vuote la sera, piazza San Marco deserta, quasi una distopia che si è fatta reale. Ma che, a ben guardare, è un'altra forma della libertà che ancora pulsa nelle fondamenta di Venezia, le fondamenta "incurabili" per dirla ancora con Brodskij, e che poi prende la forma della luce di Tintoretto o Tiziano e delle ricerche della Biennale, mai come ora simbolo della città. Ma anche l'odore, quell'odore salmastro e denso che è Venezia, e che ti prende allo stomaco in stazione o sul vaporetto, selvatico con il Lido, colto come tutta la città quando pensa alla sua stessa natura. Che 16 secolo dopo continua ad affascinare e a stupire.

Si parla di

Video popolari

Venezia, la città dove lo spazio prende la rivincita sul tempo

Today è in caricamento