Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Video e foto in chat, perquisizioni e denunce per pedopornografia

Bambini dai 5 ai 12 anni, chi agiva aveva dai 19 ai 55 anni

 

Roma, 1 ago. (askanews) - Si scambiavano video e immagini pedopornografiche in chat, utilizzando soprattutto il canale Telegram, anche a pagamento. È quanto emerge dalla delicata operazione della Polizia Postale "Summer No Like", al termine della quale 9 persone sono state denunciate per i reati di divulgazione, cessione, detenzione di materiale pedopornografico e per istigazione a delinquere aggravata.

Tutto parte dall'analisi sul cellulare di una persona perquisita per fatti analoghi su cui sono state rinvenute chat, immagini e video a carattere pedopornografico, riguardanti anche bambini in tenerissima età.

La Polizia Postale di Firenze ha così identificato altri soggetti che si scambiavano immagini e video pedopornografici; le perquisizioni - coordinate dal Centro protezione dei minori del Servizio Polizia Postale di Roma - sono state eseguite in Toscana, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio e Sicilia.

Le persone - di età compresa tra i 19 e i 55 anni - erano attivissime nell'entrare in possesso di immagini e video pedopornografici sempre più cruente con neonati, bambini e adolescenti. Tra i commenti "che video hai?", "... avranno 12 anni, la più piccola ne ha 5 tipo...", "Manda tutti i video pedo che hai".

Sequestrati decine di telefonini e computer e dall'analisi di un telefonino è emersa la presenza di canali Telegram dove si pagava 15 euro per essere ammessi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento