Sabato, 27 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vittoria per Meghan Markle: la lettera al padre era privata

Dopo due anni di battaglia legale contro il Mail On Sunday

Roma, 12 feb. (askanews) - Dopo due anni di battaglie legali Meghan Markle ha vinto contro il tabloid britannico Mail On Sunday che aveva pubblicato alcuni estratti della lettera "personale e privata" scritta a mano a suo padre Thomas Markle.

Per la vicenda, gli editori del Mail Online e del Mail On Sunday sono stati condannati per violazione della privacy e del copyright; il giudice Mark Warby ha spiegato che "la maggior parte di ciò che è stato pubblicato riguardava il sentimeno di angoscia della duchessa per il comportamento di suo padre, come lei lo vedeva, e la conseguente spaccatura tra loro. "Questioni intrinsecamente private e personali", che lei si aspettava rimanessero tali.

Soddisfazione per Meghan: "Dopo due lunghi anni di contenzioso, sono grata ai tribunali per aver deciso che l'Associated Newspapers - editore del gruppo - deve rispondere delle pratiche illegali e disumanizzanti. Queste tattiche - ha detto - non sono nuove ... Per loro è un gioco. Per me e per molti altri, si tratta di vita reale, relazioni reali e tristezza molto reale. Il danno che hanno fatto e continuano a fare è grande. Il mondo, invece, ha bisogno di notizie affidabili, verificate e di alta qualità".

La famosa lettera era stata scritta nell'agosto 2018 dopo la mancata presenza del padre alle nozze con il principe Harry. Gli avvocati di Associated Newspaper si difendono e promettono di andare avanti in appello. "Ora sappiamo che almeno quattro funzionari del palazzo l'hanno aiutata a scrivere la lettera - ha detto uno di loro, Mark Stephens -. Una cosa insolita, anche per un membro della famiglia reale, avere dei funzionari pubblici che assistono in qualcosa che è destinato a essere privato. Essi tendono a lavorare con cose che saranno rivolte al pubblico, e quindi la domanda è: questa era una lettera rivolta al pubblico? E' questo il motivo per cui i dipendenti pubblici hanno speso del tempo per lavorarci? O c'è qualcosa di più? Penso che ci siano diverse questioni da considerare per la Corte d'Appello".

Si parla di

Video popolari

Vittoria per Meghan Markle: la lettera al padre era privata

Today è in caricamento