Lunedì, 15 Luglio 2024
Musica

Biagio Antonacci finanzia 5 borse di studio in memoria del papà Paolo

Le borse saranno assegnate agli studenti universitari residenti nel Comune di Taranto e sono interamente finanziate dall’artista milanese al fine di onorare la memoria del padre Paolo, ex assessore e dedito al sociale, scomparso nel 2014 a 79 anni

Biagio Antonacci ha espresso la volontà che sia bandito un nuovo concorso per titoli per l’assegnazione di 5 borse di studio finalizzate a sostenere per tutta la durata normale del corso di studi altrettanti studenti universitari residenti nel Comune di Taranto o in uno dei Comuni della Provincia di Taranto.

Le borse sono interamente finanziate dall’artista milanese al fine di onorare la memoria del padre Paolo, ex assessore e dedito al sociale, scomparso nel 2014 a 79 anni. Le borse non possono essere cumulate con altre borse o forme di assistenza erogate dall’Università di Bari, dall’A.DI.S.U. (agenzia per il diritto allo studio universitario) e da altri Enti pubblici o privati.

La ripartizione delle borse di studio

Le borse saranno così ripartite: n. 1 borsa di studio per uno studente iscritto al primo anno del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia (in lingua italiana o in lingua inglese); n. 3 borse di studio per gli studenti iscritti al primo anno di un corso di laurea magistrale a ciclo unico quinquennale; n. 1 borsa di studio per gli studenti iscritti al primo anno di un corso di laurea triennale.

Biagio Antonacci finanzia 5 borse di studio: i requisiti per partecipare al concorso


 Per partecipare al concorso il candidato deve possedere i seguenti requisiti: essere immatricolato, nell’anno accademico 2016/17, a un corso di laurea triennale o magistrale a ciclo unico dell’Università di Bari; aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado nell’anno scolastico 2015/16; risiedere nel Comune di Taranto o in uno dei Comuni della Provincia di Taranto; avere un valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente per prestazioni universitarie non superiore a euro 23.000,00; avere un valore dell’Indicatore della Situazione Patrimoniale Equivalente non superiore a euro 50.000,00.
 
La domanda di ammissione al concorso, redatta in carta libera secondo il fac-simile  reperibile sul sito dell’Università di Bari www.uniba.it, va consegnata a mano alla U.O. Gestione documentale corrente - Palazzo Ateneo - Bari, ovvero spedita a mezzo raccomandata postale con avviso di ricevimento entro e non oltre il 29 settembre 2017. Nel caso di spedizione, farà fede il timbro a data dell’ufficio postale accettante. E’ possibile  presentare domanda anche a mezzo posta certificata all’indirizzo universitabari@pec.it, purché il candidato sia in possesso di una propria casella PEC, rispettando le scadenze e le modalità suindicate.
 
Alla domanda devono essere allegati: a) dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa al conseguimento del diploma di istruzione secondaria di II grado nell’anno scolastico 2015/16 con indicazione del voto ottenuto; b) dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa all’immatricolazione all’Università di Bari per l’anno 2016/17; c) attestazione I.S.E.E. Università del nucleo familiare in corso di validità; d) copia fotostatica di un documento d’identità in corso di validità del candidato. 

Leggi la notizia su BariToday.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biagio Antonacci finanzia 5 borse di studio in memoria del papà Paolo
Today è in caricamento