Sabato, 20 Luglio 2024
il post su instagram

J-Ax sulla guerra a Gaza: "Stiamo assistendo a un vero e proprio genocidio"

Il rapper è entrato nel dibattito sul tema del conflitto e sulle vittime palestinesi: "Siamo di fronte a una grande tragedia e ingiustizia"

J-Ax affronta il tema della guerra nella Striscia di Gaza. Lo fa con un lungo post pubblicato su Instagram dove spiega perché fino a ora non è intervenuto sulla questione che da mesi occupa le cronache internazionali e perché ha deciso di farlo adesso. 

"Siamo di fronte a una grande tragedia e ingiustizia, e penso che se rimaniamo zitti o non facciamo niente verremo giudicati dalla storia, come la storia ha sempre fatto in questi casi", scrive il cantante a corredo del post che in diverse schermate esprime il suo punto di vista. "Come tutti ho seguito ciò che sta succedendo a Gaza con apprensione ormai da mesi. Non sono mai intervenuto sulla questione per tre semplici motivi ed è inutile girarci attorno o dire altro: forse non volevo sembrare qualcuno che cerca attenzione vampirizzando una situazione così tragica, non avevo gli strumenti per capire la vastità della situazione, anche perché i nostri media non ci stanno raccontando tutto quello che realmente accade da quelle parti, e semplicemente sono stato pavido. Ma certe cose, da quando sono diventato padre, diventano, se possibile, ancora più dolorose e inaccettabili da vedere. Ciò che è successo il 7 ottobre 2023 è qualcosa di mostruoso e ingiustificabile perché sono state colpite persone innocenti", si legge nello scritto affidato ai social. 

E ancora: "A ottobre il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha ordinato “l’assedio completo della Striscia di Gaza” in questi termini: ‘Ho ordinato il completo assedio: non ci sarà elettricità, né cibo, né benzina. Tutto è chiuso. Stiamo combattendo animali umani e ci comporteremo di conseguenza’. E possiamo dire che ha mantenuto la parola. Stiamo assistendo a un vero e proprio genocidio, con bambini che muoiono di fame, campi profughi bombardati, ospedali, scuole e intere città rase al suolo", prosegue ancora Ax. "E questo - prosegue - sta avvenendo perché è stato deciso che la vita di un bambino palestinese non vale quella di un bambino europeo o americano. Perché è stato deciso che qualcuno è umano e qualcun altro no". Infine: "Tanti quando leggono libri o guardano film che parlano di grandi tragedie o ingiustizie amano dire agli altri ma soprattutto a loro stessi: ‘ah, io fossi stato lì mi sarei comportato diversamente, avrei fatto qualcosa‘", ha concluso: "Bene, ora siamo di fronte a una grande tragedia e ingiustizia e penso che se rimaniamo zitti e non facciamo niente verremo giudicato dalla storia, come la storia ha sempre fatto in questi casi". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

J-Ax sulla guerra a Gaza: "Stiamo assistendo a un vero e proprio genocidio"
Today è in caricamento