Sabato, 13 Luglio 2024
Musica

Lo spot anti-pirateria musicale che non convince

Battiato, Vecchioni, Paoli, Ruggeri e altri parlano dei danni provocati da internet. Ma l'effetto forse non è quello sperato

La FEM, Federazione Editori Musicali, ha raccolto alcuni musicisti e produttori per spiegare in un video i danni provocati dalla pirateria musicale.

"In una stanza buia, i volti in primo piano di Battiato, Caselli, Einaudi, Lavezzi, Pagani, Paoli, Ruggeri, Ron e Vecchioni,  oltre a denunciare il danno arrecato all’intero settore soprattutto nei confronti dei giovani autori che oggi non trovano né spazi né aiuti per emergere e per far conoscere la propria arte, smentiscono anche il falso mito che fermare la pirateria digitale equivalga a censurare la rete", spiega il comunicato ufficiale della FEM.

Il video però non pare aver avuto il successo sperato. Il sito Rockit ha parlato di "un vero e proprio disastro a livello comunicativo".

Colpa delle scelte stilistiche (lo spot sembra ricalcare quelli di Emergency o Amnesty International, come se si parlasse di una specie in via di estinzione da salvare o un paese africano massacrato dalla carestia), dell'età media dei protagonisti (tutti abbondantemente sopra i cinquat'anni e giudicati troppo lontani dalla realtà in questione e troppo "tutelati" rispetto ad artisti più giovani) e per alcuni "scivoloni" che rischiano di far passare in secondo piano il messaggio (come quel "Vogliamo che il web sia gestito da persone oneste" detto da Roberto Vecchioni).

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo spot anti-pirateria musicale che non convince
Today è in caricamento