Coronavirus e Avigan, il ministro Speranza: "Aifa procede con la sperimentazione"

Le parole del ministro della Salute. L'efficacia dell'antivirale Avigan (nome commerciale del favipiravir) è ancora oggetto di studio e sperimentazioni. Molto critico il virologo Roberto Burioni, che su Twitter ha scritto: "Oggi in Italia la prima sperimentazione clinica decisa sulla base di un video postato da uno sconosciuto"

Foto archivio Ansa

"Il direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Nicola Magrini, mi ha comunicato che, dopo una prima analisi sui dati disponibili relativi ad Avigan, il Comitato tecnico-scientifico sta sviluppando un programma di sperimentazione e ricerca per valutare l'impatto del farmaco nelle fasi iniziali della malattia. Nei prossimi giorni i protocolli saranno resi operativi, come già avvenuto per le altre sperimentazioni in corso".

Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo l'incontro con il direttore generale di Aifa. E non si sono fatti attendere i commenti dei governatori di Lombardia e Veneto, i primi - ieri - a chiedere un'accelerazione delle procedure per avviare la sperimentazione del favipiravir (nome commerciale Avigan), farmaco anti influenzale che Giappone e Cina starebbero già studiando per la lotta al coronavirus

Coronavirus e Avigan, le reazioni di Fontana e Zaia

"Una buona notizia è che il nuovo farmaco Avigan ora potrà essere testato grazie all'intervento dell'assessore Davide Caparini, del presidente dell'Aifa e alle sollecitazioni che abbiamo inviato a Roma per essere immediatamente sottoposto a prove ed esperimenti", ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, nel corso della conferenza stampa quotidiana per gli aggiornamenti sul coronavirus. "La sperimentazione inizierà da domani - ha spiegato Fontana - speriamo che il farmaco sia quello giusto, che dia buoni risultati e contribuisca a eliminare questo maledetto virus".

"Apprendo con piacere la comunicazione del Ministro Speranza e benvenga la decisione dell'Aifa di sperimentare l'utilizzo del farmaco Avigan sul territorio nazionale, per testare le capacità di combattere il coronavirus". E' il commento del Presidente del Veneto, Luca Zaia, all'annuncio del Ministro della Salute, Speranza, sull'avviso della sperimentazione del farmaco. "Come già detto nei giorni scorsi la Sanità del Veneto è pronta ad affrontare il protocollo che verrà deciso per testare il farmaco nei pazienti del nostro territorio - prosegue il Governatore -. E' giusto e corretto non dare facili speranze. Questa è infatti una sperimentazione scientifica. E' tuttavia pur vero che non bisogna lasciare nulla di intentato nella lotta alla peggiore epidemia dal dopoguerra ad oggi".

Nessun facile entusiasmo. Tanta cautela, tanta prudenza, per ora. Soltanto ieri l'Aifa aveva sottolineato che non esiste al momento un'evidenza scientifica sull'efficacia del farmaco. (Qui i dettagli).

Molto critico il virologo Roberto Burioni, che su Twitter ha scritto: "Oggi in Italia la prima sperimentazione clinica decisa sulla base di un video di YouTube postato da uno sconosciuto. La vita ha più fantasia di me". E poi ancora: "Mi spiace ma un paese che avvia una sperimentazione clinica sulla spinta di un video YouTube di uno sconosciuto merita ben più di una polemica".

avigan burioni-2

avigan burioni2-2

Sul "caso Avigan" è intervenuto anche il senior director di Fujifilm Italia, Mario Lavizzari (il farmaco è stato sviluppato dalla controllata di Fujifilm, Toyama Chemical). Queste le sue parole: "Al momento non esistono prove scientifiche cliniche che dimostrino l'efficacia e la sicurezza di Avigan contro Covid-19 nei pazienti. Fujifilm prevede di avviare uno studio in Giappone, ma l'azienda non è in grado di divulgare alcun piano per l'uso di Avigan in altri Paesi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Avigan, ha spiegato l'azienda, è ora somministrato a pazienti di Covid-19 in Giappone ai fini di uno studio di osservazione condotto da istituzioni mediche che cooperano con i team istituiti dal Centro Nazionale per la Salute e la Medicina Globali del Giappone (National Center for Global Health and Medicine of Japan). "Sappiamo anche che il Favipiravir (versione generica) è stato somministrato a pazienti Covid-19 in Cina. Fujifilm non ha svolto alcun ruolo nelle ricerche di cui sopra e non è quindi in grado di commentare questi risultati", si legge nella nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • Coronavirus, dalla suola delle scarpe alle verdure: i chiarimenti dell'Iss

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Coronavirus, a Rimini guarisce anziano di 101 anni: è nato durante l'epidemia di spagnola

  • Coronavirus, lo stop dei benzinai: "Chiudiamo gli impianti: prima sulle autostrade, poi gli altri"

  • Coronavirus, Mattarella ha firmato il decreto: da oggi al via la nuova stretta, cosa cambia

Torna su
Today è in caricamento