homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-store

Daniel è senza gambe e vive in auto: i vigili mandano il carro attrezzi per rimuoverla

L'uomo, che ha subìto l'amputazione di entrambe le gambe, vive con la moglie all'interno della loro auto, in un parcheggio a Brescia. Lunedì pomeriggio si è presentato il carro attrezzi della polizia locale per prelevare l'auto

Foto Facebook "Good Guys Brescia"

BRESCIA - Daniel e Alina sono arrivati a Brescia lo scorso dicembre, a bordo di un'auto carica di aspettative più che di oggetti materiali. La coppia - 36 anni lui, 29 lei - cerca una qualsiasi occupazione, un lavoro che permetta ad Alina di garantire al marito disabile le adeguate cure e ad entrambi un tetto sulla testa.

E invece i due, arrivati dalla Romania, hanno rischiato di perdere anche il loro monolocale su due ruote: la Bmw sulla quale vivono. Una ‘casa’ con vista sul FrecciaRossa, volutamente 'costruita' sul posto riservato ai disabili del parcheggio di viale Italia a Brescia. Una decisione dovuta alla condizione di Daniel: ha perso entrambe le gambe in un tragico incidente stradale in cui è rimasto coinvolto quando aveva 21 anni.

La presenza della coppia non è passata inosservata. Qualcuno ha chiamato la polizia locale per segnalare "l’infrazione". Così nel pomeriggio di lunedì i vigili e il carro attrezzi si sono presentati nel parcheggio con l'intenzione di rimuovere la Bmw.

"Sono arrivati è ci hanno urlato di andare via - racconta Daniel -  perché l’auto non poteva stare  sul posto per i disabili. Li ho implorati di non prendersi la macchina, spiegando loro che avevo scelto quel posto perché non volevo occupare gli altri parcheggi, dando magari fastidio ai cittadini che devono parcheggiare. Mi hanno risposto che dovevo comunque spostarmi, perché non ho il contrassegno per i disabili". Daniel e Alina hanno evitato la rimozione e la multa, ma la loro richiesta d’aiuto rimane per ora inascoltata, nonostante i molteplici appelli lanciati su Facebook dall’associazione "Good Guys", che si occupa degli invisibili della città, e dalla stampa locale. 

La storia di Daniel e Alina su BresciaToday
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Perché non tornano in Romania....tutti noi li dobbiamo mantenere ....che tornino a casa loro....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rabbia e proteste, i funerali tornano ad Amatrice: "Restiamo qui per le vittime"

  • Cronaca

    Ricostruzione, Renzi avverte l'Europa: "Quel che serve lo prendiamo"

  • Cronaca

    Terremoto Norcia: video esclusivo di una casa distrutta dal sisma

  • Video

    La casa di legno di sette piani che resiste ad una scossa 7.2

I più letti della settimana

  • Terremoto, la cerimonia funebre per le vittime ad Ascoli: "Non perdiamo il coraggio"

  • Rapinatore entra in tabaccheria armato, il titolare lo blocca e lo consegna alla polizia

  • Sconfigge il cancro, poi muore a 27 anni per una rara malattia

  • Terremoto, intera famiglia uccisa dal crollo del campanile: "La loro casa avrebbe retto"

  • Cannara, calciatore muore in campo durante una partita

  • Addio a Giuseppe Brocca, il carabiniere che faceva sorridere i bambini

Torna su
Today è in caricamento