Bimbo abbandonato "ancora vivo" davanti al supermercato: la terribile scoperta dopo l'autopsia

I primi risultati dell’autopsia sul corpo nel neonato lasciato dalla madre nel parcheggio di un supermercato a Terni. L'avvocato della giovane donna: "Vicenda bruttissima, è sotto shock"

Una bambina porta un fiore sul luogo del ritrovamento del neonato trovato morto a Terni (Credit foto: della collaboratrice Ansa Federica Liberotti) - ISABELLA PISTOLESI

Era ancora vivo quando è stato abbandonato in un sacchetto della spesa. Ad ucciderlo sono stati – probabilmente – il caldo, la mancanza di ossigeno e di cure. Sono questi i primi risultati dell’autopsia effettuata questa mattina presso l’ospedale di Terni dal professor Mauro Bacci. Esiti - scrive TerniToday - che dovranno essere ampliati dalle successive risultanze degli accertamenti e che andranno a comporre il resto del quadro accusatorio nei confronti della giovane donna ternana, madre del bambino, fermata dalla polizia con l’accusa di infanticidio. Secondo quanto appurato fino a questo momento, il bambino – nato giovedì mattina e abbandonato nel parcheggio dell’Eurospin di Borgo Rivo intorno alle 11 – era ancora vivo quando è stato lasciato accanto ad una siepe in una busta di plastica, avvolto in un lenzuolo bianco e coperto con un’altra busta.

Neonato abbandonato in una busta della spesa: confessa la mamma

Il caldo, il poco ossigeno e lo stato di abbandono avrebbero però causato il decesso, avvenuto in qualche ora, fino al ritrovamento intorno alle 20 di giovedì sera. Sul fronte delle indagini, il cerchio sembra ormai chiuso: la madre avrebbe agito da sola, tenendo all’oscuro della gravidanza il suo compagno ed il resto della famiglia. Il motivo del gesto sarebbe da ricercare nel fatto che la donna, già madre di una bimba di due anni, non avrebbe potuto mantenere un secondo figlio, soprattutto per questioni economiche.

La giovane mamma è assistita dall'avvocato Alessio Pressi: "Siamo di fronte ad una vicenda bruttissima che ci dice il malessere sociale a cui siamo arrivati". La donna è accusata di infanticidio in base all'articolo 578 del codice di procedura penale. "Sto andando in procura per capire meglio la situazione", commenta Pressi. La donna sarebbe stata collocata in una struttura protetta in attesa della convalida del fermo. "Si trova in uno stato di profondo shock, dovremo anche capire le sue condizioni mentali e anche verificare i rapporti famigliari, con il padre e con la madre. Ho anche allertato i servizi sociali perché possano approndire la questione".

Possibile, seppure è ancora prematuro dirlo, che venga richiesta una perizia psichiatrica per capire le conseguenze del drammatico gesto e - eventualmente - in che stato mentale era la donna al momento del parto e dell'abbandono del figlio.

Secondo una prima ipotesi, dunque, il piccolo - nato vivo, sano e a termine - potrebbe essere deceduto per asfissia e ipertermia. Il professor Bacci avrà ora 60 giorni di tempo per depositare la perizia definitiva ma, al momento, le ipotesi più accreditate per la morte del neonato sono quelle dell'asfissia e dell'ipertermia, che potrebbero anche essere due concause di un decesso che senza dubbio è stato lento. Del resto, il neonato - stando anche al racconto fatto dalla stessa madre - è stato abbandonato giovedì attorno a mezzogiorno dentro una busta, una di quelle rigide che forniscono i supermercati, sembra parzialmente chiusa, in un'aiuola nei pressi di un parcheggio, in una delle giornate più calde dell'estate. Ad ogni modo, dall'autopsia sono state escluse altre possibili cause del decesso: nessuna malformazione, nessuna azione violenta esterna e nessun tipo di malore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, due novità importanti in arrivo dal 1° gennaio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: estratto il 5+1 da mezzo milione. I numeri di martedì 3 dicembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 28 novembre 2019

  • Scoperto "esercito" di badanti evasori totali: alcuni prendevano pure la disoccupazione

  • Omicidio Nadia Orlando, Francesco Mazzega si è tolto la vita nel giardino di casa

  • Pensioni, a gennaio 2020 scattano gli aumenti: ecco i nuovi importi

Torna su
Today è in caricamento