"Mio figlio è morto in un incidente, voglio abbracciare chi vive grazie ai suoi organi"

Il toccante appello della madre di Silvio Signorelli, 17 anni, scomparso domenica scorsa dopo tre giorni di agonia: "Voglio condividere con loro l'immensa gioia che Silvio vi ha permesso di vivere"

PALERMO - Giovanna Guadagna è una mamma che conosce bene il dolore: il suo Silvio, appena diciassettenne, è morto domenica scorsa, vittima di un incidente stradale. Lo schianto con il suo scooter in via Villagrazia, nei pressi di viale Regione Siciliana, la corsa disperata in ospedale. Poi la morte, dopo tre giorni di agonia nel reparto di Seconda rianimazione dell’ospedale Civico. Come riferisce PalermoToday, la famiglia ha deciso di donare gli organi del ragazzo. E la madre adesso lancia un appello su Facebook per conoscere le persone che in qualche modo vivono grazie a Silvio.

"Vi chiedo di condividere questo messaggio più che potete - scrive in un post -. Voglio raggiungere chi ha ricevuto gli organi di mio figlio per condividere con loro l'immensa gioia che Silvio vi ha permesso di vivere. Lui era pieno di gioia e amore per la vita. Grazie a chi mi aiuterà".

SILVIO, MORTO A 17 ANNI DOPO TRE GIORNI DI AGONIA

Silvio Signorelli si era schiantato contro un'auto nella notte del 6 gennaio. Un impatto terrificante. L'intervento chirurgico per ridurre fratture ed ematoma cerebrale non è servito a strappare il giovane al suo destino, morto dopo tre giorni di speranza per i familiari e amici della zona di via Villagrazia, dove Silvio abitava.

La notizia su PalermoToday

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti