"Foglie, cani e gatti per sopravvivere": la città siriana dove si muore di fame

Almeno dieci persone sono morte per mancanza di cibo e medicine a Madaya, cittadina siriana al confine con il Libano. Oggi il regime di Assad ha detto "sì" agli aiuti umanitari dell'Onu, ma i più aspettano di vedere il cibo per crederci

(Infophoto)

Su Twitter e Facebook circolano immagini di bambini magrissimi, ridotti allo stremo. Circa 40mila civili stanno cercando di sopravvivere come possono: mangiando foglie o addirittura cani e gatti, secondo i racconti di diversi attivisti. Si muore di fame a Madaya, cittadina siriana sulle montagne al confine con il Libano, assediata da sei mesi dalle forze governative di Damasco e dalle milizie libanesi sciite di Hezbollah.

Proprio in queste ore il governo siriano ha dato il permesso all'Onu di consegnare aiuti agli abitanti di tre cittadine sotto assedio, tra cui Madaya, nei pressi di Damasco. "L'Onu accoglie con favore l'approvazione da parte del governo siriano dell'accesso a Madaya, Fuaa e Kafraya e si prepara a consegnare aiuti umanitari nei prossimi giorni" afferma una nota Onu. Secondo le Nazioni unite ci sono "notizie credibili di persone che muoiono di fame" a Madaya, tra cui un uomo di 53 anni che sarebbe morto martedì.

Le tre cittadine rientrano in un accordo semestrale raggiunto a settembre per la fine delle ostilità in quelle aree in cambio di aiuti umanitari. L'accesso a Madaya e alla vicina Zabadani è bloccato dalla forze del regime, mentre Fuaa e Kafraya, nel nordovest della Siria, sono circondate dalle forze antigovernative. "Quando è arrivata la notizia qualcuno ha sparato in aria per festeggiare, ma i più aspettano di vedere il cibo per crederci, perchè sono già stati delusi in passato", ha detto il giornalista Maaz al-Qalamuni all'Afp al telefono da Madaya. La cittadina ha ricevuto aiuti l'ultima volta a ottobre, ma da allora è inaccessible "nonostante numerose richieste", secondo una nota dell'Ufficio Onu per il coordinamento degli Affari umanitari.

Circa 40mila persone, in gran parte civili, vivono a Madaya, nella provincia di Damasco, che ospita molti rifugiati dalla vicina roccaforte ribelle di Zabadani. Almeno dieci persone sono morte per mancanza di cibo e medicine in città, secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani. Altre tredici, fuggite in cerca di cibo, sono state uccise dalle mine deposte dal governo o colpiti dai cecchini, secondo l'Osservatorio. Gli aiuti dovrebbero raggiungere anche i ventimila intrappolati nelle cittadine sciite di Fuaa e Kafraya, nella provincia di Idlib. Le consegne non inizieranno prima di vari giorni, certamente non prima del weekend, venerdì e sabato in Siria. Il ministro degli Esteri Walid Muallem parlerà del flusso umanitario con l'inviato Onu Staffan de Mistura, che sabato sarà a Damasco per organizzare i colloqui di pace tra regime e opposizione.