Trump, il dossier bomba: "La Russia può ricattarlo, c'è materiale compromettente"

Non trova però conferme un dossier di 35 pagine pubblicato da BuzzFeed. Il neo presidente Usa non ci sta: "Fake news, una caccia alle streghe totalmente politica"

Documenti non verificati in alcun modo ma presi sul serio dai servizi segreti Usa sostengono che Trump possa essere ricattato "dalla Russia". In Usa la notizia ha tenuto banco per ore sulle tv all news, ma manca qualsiasi conferma e "The Donald" bolla il tutto come una "caccia alle streghe".

Video di incontri sessuali con prostitute risalenti al 2013 e suggellati in un hotel di Mosca. Tangenti mascherate in proposte di affari assai redditizi fatte da funzionari russi. Incontri tra suoi rappresentanti e uomini del Cremlino avvenuti nel 2016 per discutere di interessi comuni, incluso l'hackeraggio a danno del partito democratico e del presidente della campagna di Hillary Clinton, John Podesta. Sono queste le informazioni personali e finanziarie altamente compromettenti - ma non confermate da nessuno - che hanno travolto Donald Trump nella notte in cui Barack Obama teneva a Chicago il suo discorso d'addio da presidente americano strappando le lacrime all'America.

Mentre a Washington non si parlava di altro, i democratici chiedevano un'inchiesta e l'Fbi indagava, dalla Trump Tower di New York il diretto interessato - a soli 10 giorni dal suo giuramento come 45esimo Commander in chief e alla vigilia della sua prima conferenza da quando ha vinto le elezioni l'8 novembre scorso - negava la bomba: ossia che la Russia ha cercato non solo di coltivare rapporti con lui ma anche di rastrellare materiale con cui potenzialmente ricattarlo.

"Notizie false", ha tuonato il presidente eletto su Twitter. "Una caccia alle streghe totalmente politica", ha aggiunto.

Secondo Cnn, i vertici dell'intelligence Usa venerdì 6 gennaio hanno presentato a Trump non solo documenti per dimostrare l'interferenza russa nelle elezioni presidenziali ma anche, alla fine di quei documenti, due pagine che riassumevano quelle informazioni esplosive. Non è dato sapere se nel loro incontro abbiano parlato di quelle due pagine. Kellyanne Conway, l'ex manager della campagna Trump e prossima sua consulente senior alla Casa Bianca, ha negato tutto: durante lo show "Late Night" con Seth Meyers ha sottolineato che "nulla è stato confermato" e che Trump "non ne sapeva nulla".

Tutto si basa su un dossier di 35 pagine pubblicato da BuzzFeed ma di cui WikiLeaks non ha voluto fare l'endorsement evidentemente dubitandone l'accuratezza, una caratteristica che il sito fondato da Julian Assange ha invece sempre vantato per il materiale pubblicato dall'organizzazione stessa e che ha travolto appunto il partito democratico e Podesta.

Quel dossier è composto da memo scritti durante almeno l'ultimo anno elettorale; a crearli è stata una spia britannica ormai in pensione per conto di una società di ricerca di Washington, a sua volta pagata prima dai repubblicani contro Trump e poi dai sostenitori della sua rivale, la candidata democratica Clinton. L'autore è considerato dai funzionari americani come un agente affidabile con molta esperienza in Russia ma quanto da lui riferito pare essere quanto sentito da informatori russi che l'intelligence Usa non ha ancora saputo verificare.

Il sospetto è quindi che per anni il governo russo abbia cercato modi per influenzare il miliardario di New York, che ha viaggiato ripetutamente a Mosca per sondare il terreno in campo immobiliare e per supervisionare la competizione di Miss Universo che per anni ha posseduto. Alla fine, scrive il New York Times, Trump non ha mai completato alcun accordo in quella nazione.

Visto il loro carattere esplosivo e considerato il rischio che il mondo ne venisse a conoscenza prima del diretto interessato, l'intelligence Usa ha deciso di informare Trump ma anche Obama e gli otto leader sia repubblicani sia democratici al Congresso, una decisione giudicata particolarmente insolita. Secondo il Financial Times, lo scorso agosto o settembre all'Fbi fu consegnato quel dossier. Ora l'America chiede chiarezza. E il tempo stringe.

Guarda anche

Tutti contro Trump: a Londra in migliaia contro il nuovo asse Usa-Regno Unito

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Trump nella spazzatura!" lo slogan con cui diverse migliaia di persone sono scese in piazza a Londra per protestare contro il decreto anti-immigrazione del presidente Usa Trump e contro la "collusione" col nuovo capo della Casa Bianca del premier britannico Theresa May. Queste le immagini della manifestazione

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • spero che questo tizio buffo col tappetino rosso in testa e con moglie e figlia bone continui solo a farci ridere.....e a non far altro .....

Notizie di oggi

  • Politica

    Gasdotti, discariche, ma anche strade e ferrovie: 342 opere bloccate dalle proteste

  • Cronaca

    Sul Tap si accende lo scontro nel Pd: "Emiliano vuole spostare il gasdotto, ma è impossibile"

  • Politica

    Laura Boldrini rompe gli indugi: "Sì, mi candido per una Sinistra di governo"

  • Politica

    Elezioni comunali, il Viminale ha deciso: si vota domenica 11 giugno

I più letti della settimana

  • Migranti, 250 morti in due naufragi nel Mediterraneo

  • Mosca, il capo dell'opposizione a Putin fermato durante una manifestazione

  • I Repubblicani voltano le spalle a Trump: "Non ha i voti per cancellare l'Obamacare"

  • Attacco a Londra, due nuovi arresti "molto importanti": morto uno dei feriti

  • Incidente in pista, aereo con 141 persone a bordo atterra e prende fuoco

  • Italiano rapinato e ucciso in un parcheggio in Nuova Zelanda

Torna su
Today è in caricamento