L'ideologo delle Femen massacrato di botte a Kiev

"Viktor è stato portato in ospedale in ambulanza con il viso fracassato, con una possibile frattura alla mascella, denti rotti e un'importante emorragia", hanno denunciato le Femen in un comunicato

Viktor Sviatski, uno dei pochi uomini attivisti del gruppo Femen, ma anche ideologo dell'organizzazione "femminista radicale" noto per le proteste in topless, è stato picchiato a sangue nei locali dell'organizzazione a Kiev: lo ha denunciato il movimento, che vede nell'aggressione un'intimidazione alla vigilia di una visita del presidente Vladimir Putin nella capitale ucraina.

"Viktor è stato portato in ospedale in ambulanza con il viso fracassato, con una possibile frattura alla mascella, denti rotti e un'importante emorragia", hanno denunciato le Femen in un comunicato, precisando che l'aggressione è avvenuta ieri sera.
Alcuni membri del gruppo sono stati minacciati - hanno aggiunto - nel caso in cui il movimento organizzi un'azione di protesta per la visita di Putin domenica, in occasione delle celebrazioni per il 1025esimo anniversario della cristianizzazione della Russia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, c'è una buona notizia sull'età di vecchiaia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 9 novembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Tasse sulla casa, arriva la nuova Imu (e scompare la Tasi): cosa cambia

  • Tasse, chi rischia di pagare di più con la nuova Imu

Torna su
Today è in caricamento