Lavoro, italiani attratti da multinazionali e settore media

Lavoro, italiani attratti da multinazionali e settore media

Milano, 15 apr. (Labitalia) - Le multinazionali sono la tipologia di impresa più ambita dai potenziali dipendenti italiani, col 29% delle preferenze, soprattutto per la solidità finanziaria, le opportunità di carriera e la sicurezza del posto di lavoro. A rilevarlo è la ricerca Randstad Employer Brand, la più completa e rappresentativa a livello globale dedicata all'employer branding, condotta da Randstad, primo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane. E il settore più attrattivo è quello dei media, che piace ai candidati in particolare per solidità finanziaria, ottima reputazione e contenuto di lavoro interessante, seguito dall’automotive, dal largo consumo, dal farmaceutico e dall’elettronica.


Al secondo posto, fra le tipologie di aziende più desiderate, si trovano le pmi, scelte dal 18% del campione soprattutto per piacevole atmosfera di lavoro, work-life balance e flessibilità, fattori in comune con le attività in proprio, indicate come destinazione ideale dal 14% degli intervistati. L’11% preferisce lavorare per la pubblica amministrazione o per enti non profit, per la sicurezza del posto, la solidità finanziaria e l’equilibrio fra lavoro e vita privata.


Sono meno gli italiani attratti prevalentemente da startup e da aziende a conduzione famigliare, per entrambe appena il 6%: le prime offrono soprattutto contenuto di lavoro interessante, piacevole atmosfera di lavoro e opportunità di carriera, mentre le seconde offrono atmosfera piacevole, work-life balance e flessibilità. Le startup sono, però, le realtà più ambite dai giovani sotto i 25 anni (10%), i 25-34enni preferiscono le multinazionali (32%), i 35-54enni prediligono le piccole e medie imprese (19%), mentre i lavoratori senior non esprimono preferenze.



Potrebbe interessarti

  • Trasferimento illegittimo, lavoratrice vince ricorso contro Ikea

  • Durc, Di Maio si rivolge ai consulenti del lavoro

  • Fornero: "Quota 100 e rdc non erano priorità"

I più letti della settimana

  • Salute: dormire con tv o pc accesi fa ingrassare, studio sulle donne

  • Medicina: è svolta 'dermatologia di precisione' al Mondiale di Milano

  • Salute: Ventotene, virus febbre emorragica Crimea-Congo in zecca da volatile

  • Pediatria: indagine, bimbi italiani dicono addio al passeggino tra 2-3 anni

  • Ikea: illegittimo trasferimento dipendente, lavoratrice vince ricorso urgenza

  • Le estraggono pezzo di tubo da stomaco, era lì da 20 anni

Torna su
Today è in caricamento