La Tap si farà, in Salento rivolta contro gli eletti M5s: "Dimettetevi"

Il premier Conte firma la resa dei 5 stelle con una nota inviata ai sindaci pugliesi: "Da interruzione costi insostenibili". Annunciata una manifestazione per Domenica 28 ottobre a San Foca sede dell'approdo del contestato gasdotto

"Gli accordi chiusi in passato ci conducono a una strada senza via di uscita". Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, annuncia la volontà del governo di procedere con la realizzazione della Tap. 

A quanto apprende l'Adnkronos dai vertici M5S, sarebbero state trattate condizioni più vantaggiosi per i territori coinvolti dall'opera che vedrebbero lo stanziamento di "decine di milioni di euro" per le aree salentine interessate dai lavori per il gasdotto.

No Tap contro il Governo: "Tirate fuori i documenti o dimettetevi" 

"Non abbiamo riscontrato elementi di illegittimità - spiega il premier in una nota - Interrompere la realizzazione dell'opera comporterebbe costi insostenibili, pari a decine di miliardi di euro. In ballo ci sono numeri che si avvicinano a quelli di una manovra economica".

"Abbiamo fatto tutto quello che potevamo, non lasciando nulla di intentato. Ora però è arrivato il momento di operare le scelte necessarie e di metterci la faccia".

Tap, le valutazioni inviate da Costa a Conte

Oggi il ministero dell'Ambiente aveva inviato a Palazzo Chigi  le ultime verifiche effettuate dai tecnici sul progetto Tap

"Anche nei punti contestati - si legge nel comunicato del ministro Costa - non sono emersi profili di illegittimità, indipendentemente dal merito, in quanto la Commissione Via - unico soggetto titolato a pronunciarsi - ha ritenuto ottemperate le prescrizioni.

"La valutazione fatta dal Ministero dell’Ambiente esula dal mio pensiero personale e dal mio convincimento politico, se l’opera sia giusta o no. Ma nella fase attuale ogni valutazione da parte del Ministero deve essere fatta solo ed esclusivamente sulla base del principio della legittimità degli atti e non sul merito tecnico dei medesimi in quanto non consentita dall’Ordinamento"

La decisione suona come una doccia fredda per la componente M5S al governo: "Ad oggi - si legge - non è più possibile intervenire sulla realizzazione di questo progetto che è stato pianificato dai governi precedenti con vincoli contrattuali già in essere" mette in chiaro il premier ribadendo di non aver lasciato "nulla di intentato".

Per i 5 stelle che in Salento sullo stop al progetto del gasdotto si erano giocati molto del consenso, la difficoltà di tornare sul territorio a comunicare l'ineluttabilità della decisione. 

No tap, tensione in Salento contro eletti M5s

Ci sono le firme anche del ministro Barbara Lezzi nel documento firmato dagli M5s in campagna elettorale contro Tap davanti ai cittadini di Melendugno, comune del Salento dove approderà il gasdotto, volando al 65% delle preferenze. 

Gianluca Maggiore, portavoce del Movimento No Tap, da Lecce aveva già preannunciato come avrebbe chiesto le dimissioni in blocco degli eletti del Movimento 5 Stelle in caso ricomincino i lavori del gasdotto Tap.

"Per quanto riguarda i politicanti che hanno fatto campagna elettorale in zona Tap è arrivata l'ora di rassegnare le dimissioni"

Preannunciato un presidio a San Foca per domenica 28 ottobre condiviso anche dal sindaco di Melendugno Marco Potì.

Quale peso avrà il "tradimento" del Movimento 5 stelle?

"Vendiamo l'anima alla Lega". È uno degli sms che rimbalza su alcuni cellulari dei parlamentari M5S più imbestialiti per il via libera del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Meno di una settimana fa Beppe Grillo, dal palco di Italia 5 Stelle al Circo Massimo, invitava la politica a "non abbandonare una visione". "Vogliamo il gas che passa sotto quei cazzo di ulivi della Puglia o non lo vogliamo?'', chiedeva il fondatore del M5S. E alcuni parlamentari, in queste ore di nervosismo estremo, a quanto apprende l'Adnkronos, valutano di tirarlo in ballo, chiedendogli un intervento diretto "per salvaguardare il Movimento".

"Abbiamo le mani legate - spiegano dall'entourage del vicepremier e capo politico dei 5 Stelle, Luigi Di Maio - Ci sono venti miliardi di euro da pagare di penali. Più del reddito di cittadinanza e quota 100 messi insieme". Il punto, viene inoltre spiegato, "è che le sanzioni le abbiamo scoperte solo dopo due mesi di accesso agli atti, tanto ci è voluto una volta entrati nei ministeri competenti".

Guarda anche

Il premier Conte litiga con l'inglese (e il web se la ride)

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

  • Uova, quante possiamo mangiarne (e occhio a come le cucinate)

  • Bere acqua e limone al mattino appena svegli fa bene?

  • Come scegliere salumi e affettati senza correre rischi per la salute

  • Via alla svendita anti-deficit: lo Stato mette in vendita i suoi tesori

I più letti della settimana

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi: i numeri vincenti di martedì 9 luglio 2019

  • Tour de France 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Eros Ramazzotti e Marica Pellegrinelli: ecco perché si sono lasciati

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Fine delle speranze: trovato morto Stefano Marinoni, il ragazzo scomparso dal 4 luglio

  • Caterina Balivo felice al battesimo di Cora: grande l’intesa con la figlia del marito

Torna su
Today è in caricamento