Analisi sui materiali per la ricostruzione post sisma, scoperta choc: c'è l'amianto

In passato a sollevare dubbi sulla presenza di amianto nelle macerie era stata l’associazione di volontariato "La Terra trema e noi no", quando i gruppi dei comitati avevano chiesto l’intervento della Regione Marche

Foto di repertorio

Tracce di fibre di amianto nei materiali da usare per la ricostruzione delle Marche colpite dal terremoto del 2016. E’ quanto emerge dalle analisi dei tecnici dell’ARPA (Agenzia per la protezione ambientale) Marche, che nel 2017 avevano effettuato una serie di prelievi nei rifiuti delle ditte in subappalto della COSMARI Srl, il consorzio pubblico costituito e operativo nelle Marche per la gestione dei rifiuti delle zone distrutte, di cui sono soci tutti i 57 comuni della Provincia di Macerata.

La conferma è arrivata a marzo quando i tecnici hanno riportato le risultanze con una lettera indirizzata all’ASUR regionale, Regione Marche e Provincia di Macerata. Doppio blitz negli impianti delle due società private che, da bando, dovrebbero ricevere i rifiuti trattati e puliti, per poi trasformarli in materia prima da utilizzare nei cantieri della ricostruzione.

Ed è proprio lì che sono state rintracciate fibre di amianto. In entrambi i casi i tecnici incaricati della verifica hanno prelevato campioni tra le montagne di rifiuti e, in entrambi i casi, sono state trovate fibre di tipo crisotilo. Amianto insomma nei cumuli di macerie che, a detta dei titolari delle ditte in subappalto, "erano già sottoposte ad operazione di recupero ed avevano conseguito la cessazione di qualifica di rifiuto ai sensi delle norme, in quanto già sottoposte alle operazioni di recupero".

Le leggi a cui si fa riferimento sono quelle che regolano la concessione di servizio tra Regione Marche e COSMARI per cui, come si legge nel bando di gara, è quest’ultima a farsi carico dell’attività di "raccolta trasporto, trattamento e successivo avvio a recupero e/o smaltimento della macerie ed altri materiali derivanti dal crollo degli edifici e delle attività di demolizione di quelli pericolanti, nonché della realizzazione e gestione dei siti di deposito temporaneo a seguito della scosse sismiche del 24 agosto, 26 e 30 ottobre 2016".

Insomma è la COSMARI che “pulisce” i rifiuti inerti, percependo 50 euro a tonnellata Iva esclusa, per poi trasportarli alle ditte private che le usano per creare materiale da costruzione. Peccato che proprio in quest’ultimo passaggio, dove si dovrebbe lavorare con materiale pulito, i tecnici ARPA hanno trovato fibre di amianto.

"A noi non risulta nulla di questo anche perché ci sono delle indagini in corso - ha spiegato il Direttore Generale della COSMARI Giuseppe Giampaoli, facendo riferimento all'inchiesta della Magistratura maceratese - Hanno fatto controlli dappertutto, anche da noi. Tenga conto che l'amianto sta dappertutto. Dati alla mano abbiamo trovato quasi 2 tonnellate di amianto su 300mila tonnellate trattate".

E' vero, c'è da aspettarsi di trovare fibre di amianto nelle macerie successive ad un terremoto. Ma non nel materiale da usare per ridare vita al territorio distrutto dal sisma. Invece i Forestali dei Carabinieri le fibre tossiche le hanno trovate tra i materiali pronti per essere usati per la costruzione di nuove case.

Fonte: Ancona Today →
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • annamo bene...

Più letti della settimana

  • Grande Fratello 2018

    Grande Fratello Vip 2018: cast, puntate e tutto quello che c'è da sapere

  • Veleni

    Uomini e Donne, Sara Affi Fella smascherata: il commento di Maria De Filippi

  • Economia

    Pensioni, tra illusioni e realtà si va verso quota 100 "depotenziata": che cosa significa

  • Attualità

    Lunedì occhio al bonifico, 45 italiani diventeranno milionari

Torna su
Today è in caricamento