Neonati geneticamente modificati, scienziato recluta donne sieropositive per "produrli"

"Sono abbastanza pazzo da realizzare tutto questo" ha detto a Nature il biologo russo Denis Rebrikov. Scienziati e bioetici si sono mostrati turbati dai suoi piani

Dopo i cinesi anche uno scienziato russo sta pianificando di 'produrre' neonati geneticamente modificati. Secondo quanto riporta l'autorevole rivista scientifica Nature in un servizio di David Cyranoski, "il biologo molecolare Denis Rebrikov ha detto che sta pensando di impiantare embrioni geneticamente modificati in alcune donne, forse entro la fine dell'anno".

Prima di Rebrikov è stato lo scienziato cinese He Jiankui a suscitare una protesta internazionale quando, lo scorso novembre, ha annunciato di aver creato i primi bambini geneticamente modificati al mondo, due gemelline.

L'esperimento che Rebrikov intende realizzare "riguarderà lo stesso gene, chiamato Ccr5" usato dai cinesi, ma il biologo molecolare russo ritiene che "la sua tecnica offrirà maggiori benefici, porrà meno rischi ed essere più eticamente giustificabile e accettabile per il pubblico".

Rebrikov progetta di disabilitare il gene che codifica una proteina che consente all'Hiv di entrare nelle cellule, in embrioni che verranno impiantati in madri sieropositive, riducendo il rischio che trasmettano il virus al bambino in utero.

"Sono abbastanza pazzo da realizzare tutto questo" confida lo scienziato a Nature.

Rebrikov dirige un laboratorio di 'genome editing' presso la più grande clinica per la fertilità della Russia, il Kulakov Medical Center per l'ostetricia, la ginecologia e la perinatologia che si trova a Mosca ed è ricercatore presso l'Università Pigorov per la Ricerca Medica, anch'essa con sede a Mosca.

Secondo quanto riportato da Nature, Rebrikov ha già un accordo con un centro moscovita per l'Hiv per reclutare donne infette che vogliono prendere parte all'esperimento. 

Gli scienziati e i bioetici contattati da Nature si sono mostrati "turbati dai piani di Rebrikov".

"La tecnologia non è pronta" ha detto Jennifer Doudna, biologa molecolare dell'Università di Berkeley in California e pioniera del sistema di editing genomico Crispr-Cas9 che Rebrikov intende utilizzare. "Non è sorprendente, ma è molto inquietante" ha aggiunto.

Per Robin Alta Charo, professoressa di Diritto e Bioetica all'Università del Wisconsin-Madison, i progetti di Rebrikov non rappresentano un uso etico della tecnologia. "È irresponsabile continuare con questo protocollo in questo momento" afferma Charo, membro del comitato dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che sta formulando politiche di governance etica per l'editing del genoma umano.

Fonte: Nature.com →

Potrebbe interessarti

Più letti della settimana

Torna su
Today è in caricamento