Asso di denari

Asso di denari

Dichiarazione dei redditi, in arrivo 330 mila lettere dal Fisco

Foto di repertorio

La dichiarazione dei redditi precompilata, che i cittadini possono accettare così come elaborata dal fisco (senza ulteriori accertamenti) o modificare (con conseguenti accertamenti dell’amministrazione tributaria), ha avuto un gran successo, come si evince mentre sono ancora aperti i termini per accettarla o modificarla. Ma nel frattempo il Fisco batte cassa con 330mila contribuenti perché saldino quanto devono all’amministrazione tributaria.

Già 1.523.764 italiani hanno usato la dichiarazione precompilata dei redditi, che deve essere fornita al fisco entro il 22 luglio. In Lombardia e Friuli Venezia Giulia la quota di contribuenti che non ha avuto bisogno di rivolgersi a Caf e commercialisti ha superato il 10% degli interessati, con punte del 13,4% nella provincia di Monza, del 12,9% a Lecco e del 12% a Trieste.

Equitalia intanto ha spedito 330mila ‘cartelle amiche’ ad altrettanti contribuenti che hanno pendenze col fisco. La cartella mira a dar loro la possibilità di scegliere come e in quante rate pagare il proprio debito con il Fisco. Novantamila cartelle amiche sono state spedite nelle aree metropolitane di Roma, Milano e Napoli, mentre la Sicilia è esclusa dall’applicazione di questa modalità di riscossione dei tributi. Il modello è stato sottoposto a un test a febbraio a Varese, Firenze e Lecce ed il risultato è stato giudicato molto positivo dai tecnici. 

Le cartelle amiche valgono solo per debiti da 600 e 50mila euro e sono destinate ai contribuenti che non hanno mai attivato un piano di rateizzazione con Equitalia: l’importo richiesto potrà essere saldato in massimo 72 rate. Per alleggerire la burocrazia, le richieste di rateizzazione possono essere consegnate allo sportello di Equitalia, oppure inviate per mail con la posta certificata (Pec) o per posta con una raccomandata. Nel 2015 Equitalia ha riscosso 8,2 miliardi (+11,2% sul 2014), di cui il 50% con piani di rateizzazione.

Asso di denari

" Un po' come la legge di gravità e le leggi della fisica in generale, l'economia ci appare spesso come un limite, una gabbia, tanto che qualcuno l'ha anche definita ""la scienza triste"". Ma per l'economia, come per la fisica, il manto di grigiore che l'avvolge davanti agli occhi dell'ordinary man, l'uomo qualunque, può essere squarciato e regalare l'immensa sorpresa di un universo tutto da scoprire, dove non esistono solo vincoli ma anche opportunità. Così come, pur senza essere un angelo e senza avere ali, scoprendo le leggi della fisica l'uomo ha sfruttato l'opportunità di riuscire a volare, così - ed è quello che ci prefiggiamo con questo blog - affrontando l'economia senza timori, ciascuno può provare a divenire un asso. Non un asso dell'aviazione ma un asso di denari "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento