Terremoto tra Marche e Umbria: sciame sismico, alle 21.18 scossa di magnitudo 5.9

L'epicentro degli eventi sismici localizzato tra Visso e Castelsantangelo sul Nera in provincia di Macerata. Il sisma delle 19.10 ha raggiunto i 5.4 gradi richter seguito da una scossa di 5.9 alle 21.18. La scossa molto superficiale avvertita in tutta Italia

Scossa di terremoto oggi nel Centro Italia

Due fortissime scosse di terremoto hanno fatto tremare l'Italia centrale: la prima alle 19.10, poi una ancora più forte alle 21.18 di 5.9 gradi Richter. L'epicentro localizzato ad Ussita nelle Marche a solo 8 chilometri di profondità.

La prima scossa alle 19.10, secondo i primi dati dei sismografi il terremoto, ha raggiunto i 5.4 gradi Richter di magnitudo. L'epicentro è stato localizzato tra Terni e Perugia a Castelsantangelo sul Nera sui Monti Sibillini.

"Segnalati crolli ma al momento non ci sono feriti gravi": lo riferisce il capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio. Squadre di soccorso sono dirette verso le zone isolate. Un solo ferito lieve a Visso.

A Camerino dopo la scossa delle 21:18 il campanile della chiesa di Santa Maria in Via, già danneggiata dal sisma del 24 agosto, è crollato su una palazzina. Lì sono al lavoro i vigili del fuoco, escluse la presenza di persone sotto le macerie. Lo ha reso noto l'ufficio stampa del Comune. Molte persone erano comunque fuori casa dopo la scossa precedente delle 19:11. Diversi i crolli nel centro e nelle frazioni. Sempre a Camerino sono stati evacuati 750 studenti ospiti dei collegi universitari.

CROLLI E FERITI A CAMERINO E FABRIANO: GLI AGGIORNAMENTI SU ANCONATODAY

"Sono crollate parecchie case: la situazione è apocalittica, il nostro paese è finito". Lo ha detto a Sky Tg24 il sindaco di Ussita Giuliano Rinaldi, dopo l'ultima forte scossa di terremoto che ha colpito le Marche. "E' crollata anche la facciata della chiesa, si è spaccato il terreno. La frazione di Casali non la possiamo raggiungere", ha detto ancora.

Il sindaco di Castelsantangelo sul Nera ha confermato: "Nessuna vittima: raggiunte tutte le frazioni, ma la nostra situazione è durissima".

In tre ore, secondo le rilevazioni dell'Ingv, l'area tra Macerata e Perugia è stata interessata da 36 scosse di magnitudo superiore a 2.1, comprese quella iniziale di magnitudo 5.4 registrata alle 19,10 e quella successiva più forte, delle 21,18 e di magnitudo 5,9 con epicentro Ussita. Tra quelle secondarie, le più forti sono state rilevate a Visso (magnitudo 3.9) alle 21.25 e Preci (Perugia) alle 21.43.

Le scuole rimarranno chiuse in Umbria e nelle Marche

Dopo la prima scossa, il sindaco di Castelsantangelo sul Nera ha riferito che l'intero paese è rimasto senza corrente. "Sicuramente ci sono stati dei crolli ma non riusciamo a renderci conto di nulla - ha detto il primo cittadino raggiunto telefonicamente da Skytg 24 - in più sulle zone colpite dal sisma è in corso violento temporale. Siamo in attesa dei soccorsi".

terremoto oggi 26 ottobre 2016-3-2-2

"Non sembrano esserci danni di rilievo a persone o cose". Lo afferma a Rainews24 il sindaco di Gualdo Tadino Presciutti, dopo il terremoto di questa sera. Presciutti ipoizza però di tenere chiuse le scuole domani. Gualdo Tadino dista oltre 50 chilometri da Castelsantangelo sul Nera.

IL VIDEO DEL CROLLO DELLA CHIESA DI NORCIA

visso video-2

Nella gallery i danni nella zona dopo il terremoto del Centro Italia del 24 agosto 

COSA FARE DURANTE UN TERREMOTO: IL DECALOGO DELLA CROCE ROSSA

La scossa è stata avvertita in tutta l'Italia centrale: a Roma centinaia di persone sono uscite in strada dopo aver avvertito il terremoto. Il sisma è stato avvertito distintamente anche in Abruzzo, Umbria, Toscana e in tutta l'Italia centrale. Decine le chiamate ai vigili del fuoco. La scossa è stata avvertita molto forte anche a grande distanza perché l'ipocentro (il punto in cui si verifica materialmente la frattura nella crosta terrestre) è stato molto superficiale a soli solo 9 chilometri.

La forte scossa di terremoto fa parte della stessa sequenza sismica iniziata il 24 agosto"Le scosse sicuramente continueranno - spiega Antonio Piersanti, sismologo dell'Ingv- anche se non siamo in grado di prevederne la magnitudo". Chiusa al traffico la strada statale 4 Salaria ad Arquata del Tronto. La scossa delle 19,11 ha provocato il distacco di alcuni massi nella frana di Pescara del Tronto, che minacciava da due mesi il transito dei mezzi sull'arteria. 

Due mesi fa un sisma devastante radeva al suolo Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto, i tre paesi a cavallo tra Lazio e Marche più colpiti dal terremoto di magnitudo 6.0 del 24 agosto, registrato alle 3:36 del mattino. Il bilancio è stato di 298 morti, centinaia di feriti e migliaia di sfollati. Il governo ha stimato i danni in 4 miliardi di euro. 

"Sicuramente saranno peggiorate le cose per quanto riguarda gli immobili - il sindaco di Accumoli Stefano Petrucci - Abbiamo sentito nitidamente rumori di crolli, quindi, verosimilmente, alcune strutture saranno crollate ulteriormente o pesantemente danneggiate. Stiamo effettuando tutte le verifiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • In arrivo 55mila lettere dall'Agenzia delle Entrate

  • Jacqueline, figlia di Heather Parisi: "Perché non chiedete dove sono le altre due figlie?"

  • Bonus tv e decoder, ora è ufficiale: chi deve cambiare il televisore

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

  • Rompe il finestrino per rubare: nell'auto trova un vero tesoro

Torna su
Today è in caricamento